Banner Top
Banner Top

Finalmente la videosorveglianza: la Giunta riapprova il progetto definitivo aggiornato

videosorveglianza_2Dopo anni di dibattiti anche accesi, soprattutto alla luce del ripetersi di continui episodi di microcriminalità, è finalmente giunta alla stretta finale la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza che vigilerà su alcune aree definibili più a rischio e sulla circolazione stradale.

Il 13 novembre scorso, infatti, la Giunta municipale ha riapprovato con propria delibera il progetto definitivo aggiornato, e rimodulato in base alla variazione della tassazione IVA, redatto dall’Ing. Paolo Gustuti di Napoli per  Importo lavori a base d’asta pari a 436.870,64 euro e un impegno di spesa complessivo di 600mila euro.

Di questi 150mila euro saranno stanziati dalla Regione Abruzzo con il finanziamento PAR-FSC 2007-2013 – Linea d’azione V.3.1.b. ; gli altri 450mila euro verranno coperti con la contrazione di mutuo alla Cassa Depositi e Prestiti.

Dopo una lunga querelle politica che ha visto Rifondazione comunista assumere posizioni distanti dal resto della maggioranza con una profonda avversione a tale decisione, Vasto si doterà di ben 81 apparecchi di videosorveglianza che saranno dislocati per motivi di sicurezza nel centro storico, alla Marina e alla Villa Falcone-Borsellino del quartiere S. Paolo; altri apparecchi vigileranno su alcuni tratti viari e incroci nevralgici.

La decisione assunta dalla Giunta, però, ha destato piena soddisfazione negli ambienti di centrodestra. In particolare è Giovani in Movimento, attraverso le parole del suo responsabile Marco Di Michele Marisi, rivendica il proprio ruolo nell’aver pungolato l’Amministrazione perché si giungesse alla realizzazione della videosorveglianza in città “Abbiamo promosso raccolte di firme – scrive Di  Michele Marisi – manifestazioni, abbiamo fatto spedire al Primo cittadino centinaia di cartoline timbrate da attività commerciali e firmate da cittadini, ci siamo spesi per rappresentare alle istituzioni un problema sicurezza che ha scosso e sta scuotendo ancora i cittadini, ci siamo messi a lavoro per avanzare proposte concrete che potessero inserirsi a pieno titolo in un dibattito sempre attuale tra la popolazione”.
il leader di GiM, nonché attivista di Fratelli d’Italia, preannuncia anche che continueranno le battaglie per “l’istituzione dei volontari per la sicurezza, l’esigenza di applicare il protocollo Mille occhi sulla città e la necessità di coinvolgere i parlamentari locali nella richiesta di un rafforzamento di mezzi ed organico delle forze dell’ordine”

Intanto, dopo l’approvazione del progetto definitivo, ora si potrà espletare la gara d’appalto e procedere all’installazione della videosorveglianza, e della relativa obbligatoria segnaletica di individuazione, che molti ritenevano indispensabili per arginare il fenomeno crescente della microcriminalità in città.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts