Banner Top
Banner Top
Banner Top

“Buio fitto per l’O.p.s., 40 posti di lavoro a rischio”

camillo-d'amico“Mancano 40 giorni alla fine del corrente anno 2013 e per il futuro dell’O.P.S. è buio fitto. Sinora impegni e promesse di una maggiore concretezza, assunte a più voci dalla maggioranza che guida la provincia di Chieti, sono risultate solo vuote parole senza alcun seguito concreto. Sono sempre più a rischio quaranta posti di lavoro”. È Camillo D’Amico, capogruppo provinciale del Partito Democratico a rilanciare l’allarme sull’azienda di organizzazione di progetti e servizi della Provincia: “È stato ricostituito il cda – ha ricordato D’Amico – consegnando la guida dell’ente partecipato ad un uomo fidato ed esperto: Giacinto Mariotti già assessore con la giunta guidata da Mauro Febbo. Un uomo di sicura e certa appartenenza che abbiamo sentito ed ascoltato in commissione consiliare unitamente all’assessore delegato, Mauro Petrucci. Entrambi ci hanno anche assicurato che avrebbero riferito e confrontatosi sui contenuti della nuova convenzione con la provincia e sulle strategie future. Dopo tante parole e rassicurazioni nulla è accaduto”. Da qui, la richiesta di convocazione della commissione “Bilancio e Sviluppo economico”, per tornare sull’argomento.
Per il capogruppo Pd, inoltre, “la sentenza della sezione Abruzzese della Corte dei Conti ha fatto chiarezza e giustizia sul fatto che questi enti non rientrano tra i rigidi dettami della spending review; senza presunzione alcuna noi l’avevamo previsto in virtù di una sentenza simile emessa dalla sezione Ligure ma siamo rimasti inascoltati. Rimaniamo convinti dell’utilità e della positiva operatività dell’O.P.S. che potrebbe allargare funzioni, attività e partecipazioni societarie. Lo ribadiamo anche di fronte alla grande incertezza legislativa che aleggia sul futuro delle Province e dell’ordinamento degli Enti Locali in generale. Al riguardo rimaniamo convinti che bisogna produrre una complessiva riforma dei livelli istituzionali, previsti in Costituzione; questo deve avvenire in maniera contestuale e che abbracci tutti i livelli senza risparmio alcuno”. Secondo D’Amico questo processo di riforma deve partire da quella della legge elettorale: “è la prima e più urgente riforma da fare”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts