Banner Top
Banner Top

Danni ingenti per il maltempo e il Comune chiederà fondi alla Regione

1454775_574047322666974_1560306701_nIn Comune si sta cercando di dare una prima stima ai danni causati dalle piogge torrenziali di questi giorni, che già dal resoconto che abbiamo pubblicato ieri si preannunciano ingenti. E non è la prima volta che Vasto subisce lo sfogo della natura: già  nel 2006 si verificò una situazione analoga e, poi, le abbondanti nevicati del 2010-2011 che paralizzarono il vastese e che portarono alla chiusura di alcune strade.

Per porre riparo a tutti i disastri del maltempo, ma anche di una manutenzione degna dell’anteguerra, si è cercato di ottenere fondi regionali senza riceverne alcuno, almeno a sentire il sindaco Luciano Lapenna che in più di un’occasione ha parlato della trascuratezza che il governo regionale, definito teramocentrico, riserva al vastese.

Non ultimo basti pensare ai fondi per la messa in sicurezza delle scuole destinati in gran parte ai territori di provenienza dei vari Chiodi, Gatti e via dicendo.

Sulle continue accuse alla regione da parte del primo cittadino, il consigliere indipendente Davide D’Alessandro, stranamente silenzioso nell’ultimo Consiglio comunale, è intervenuto con una nota nella quale leva il dito accusatorio contro tutti i rappresentanti istituzionali soprattutto del Vastese : “Lapenna ha ragione a dire che Vasto non ha ricevuto un euro dalla Regione e dalla Provincia per i danni del recente passato – scrive D’Alessandro – ma attenzione alla politica dello scarica barile. Le responsabilità sono di un’intera classe politica, senza distinzione di sigle e casacche. Che la Regione sia Teramocentrica è sotto gli occhi di tutti, ma c’è stato un tempo, neanche tanto lontano, in cui è stata Vastocentrica con risultati, per il nostro territorio, alquanto desolanti. Evidentemente non è bastato e non basta avere assessori e consiglieri. Vasto è periferia politica dell’estrema periferia abruzzese. Non solo per colpa di Chiodi e di Lapenna. Da vent’anni, la classe dirigente che si è data il compito di rappresentare il territorio del Vastese ha miseramente fallito la prova. Occorre un ricambio vero. Della politica e di chi la fa. Non conta quanti anni hai, ma da quanto tempo la fai, da quanto tempo vieni eletto, da quanto tempo disattendi tutte le promesse fatte”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts