Banner Top
Banner Top

Mobilitazione contro lo stato delle strade, per il PD che non diventi passerella elettorale

strada-provinciale“La convocazione dell’importante riunione indetta dal presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio, per Lunedì 18 p.v. per porre all’attenzione di tutti il pietoso stato delle strade provinciali ci trova d’accordo ma non vorremmo che il tutto si risolva con dichiarazioni di puro vittimismo ed in una sterile passerella elettorale e propagandistica. L’elenco degli invitati è cospicuo ed importante, qualificato e significativo ma il pericolo di scadere nell’inconcludenza è notevole: sono queste le prime dichiarazioni di Camillo D’Amico, capogruppo del PD in Consiglio provinciale, dopo la decisione di Enrico Di Giuseppantonio di convocare per il 18 novembre una mobilitazione di tutte le forze politiche e istituzionali abruzzesi contro ila drammatica situazione delle strade del territorio teatino.

“In precedenza tante volte è accaduto di ascoltare l’annuncio di pari momenti di mobilitazione – scrive ancora l’esponente democratico – per le stesse e medesime ragioni, senza mai avere coerenti conseguenze concrete; un’annuncio per tutti: bloccare la tappa del giro ciclistico d’Italia dello scorso 10 Maggio da San Salvo a Pescara fatta a Castiglione Messer Marino.

Il presidente Di Giuseppantonio era presente, tra le autorità, alla partenza della tappa da San Salvo che s’è svolta come una gimkana con cadute varie ma senza interruzioni clamorosi per blocchi dovuti allo stato delle nostre strade”.

D’Amico non perde l’occasione per un affondo di  matrice politica scaricando le responsabilità del dissesto delle strade sul centrodestra “Lo stato della viabilità provinciale è pietosa – scrive – ed in molti tratti già pericolosa ed impercorribile con l’inverno che deve ancora arrivare con tutto il carico d’incognite naturali che si porta dietro.

Le ragioni di questo stato di cose sono tante e molteplici che spiegheremo in un apposita conferenza stampa di chiarezza e chiarimenti che convocheremo nei prossimi giorni.

Allo stato denunciamo ancora una volta la grave responsabilità politica del Centro – Destra a guida UdC della provincia di Chieti nei colpevoli ritardi con la quale sta utilizzando il “tesoretto” di € 28.200.000 che il Centro – Sinistra, con Tommaso Coletti alla Presidenza,  ha lasciato in eredità per opere di viabilità ed il più totale abbandono hanno lasciato Chiodi & c. l’intero territorio”.

Infine una stilettata al presidente della Provincia: “Siamo sempre stati favorevoli, come gruppo consiliare, al mantenimento delle Province nel panorama dei livelli istituzionali previsti nella Costituzione. Abbiamo votato tutti gli atti consiliari dediti allo scopo.

Siamo però per una Provincia attiva, rivista nelle funzioni e nelle competenze che mantenga una legittimazione democratica a carico de corpo elettorale  ma che appaia utile ai cittadini.

L’amministrazione presieduta da Enrico Di Giuseppantonio non è parsa attiva, presente e dinamica agli occhi dei cittadini e non giova molto al perseguimento dello scopo”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts