Banner Top
Banner Top
Banner Top

Antenna sul Parcheggio multipiano di via Ugo Foscolo, insorge l’opposizione

ANTENNA MULTIPIANODalle reazioni che sta suscitando, sembra che l’antenna che svetta ormai da qualche giorno dall’ultimo piano del Parcheggio multipiano di via Ugo Foscolo, a pochi metri da Palazzo di Città, sia spuntata di notte, quasi come fosse un fungo.
Alle forti perplessità espresse dai gruppi di opposizioni attraverso un comunicato congiunto di Davide D’Alessandro, Massimo Desiati ed Etelwardo Sigismondi, infatti, l’amministrazione comunale risponde – seppur indirettamente – dicendo che  il sindaco Luciano Lapenna “venuto a conoscenza dei lavori in corso per la installazione, sul parcheggio multipiano di via U. Foscolo – di proprietà del Comune di Vasto – di una antenna per la telefonia mobile della ditta Ericsson, ha immediatamente convocato una riunione per conoscere la pratica ed adottare i provvedimenti del caso. In base ad una prima verifica la installazione è stata autorizzata dallo Sportello Unico per le Attività Produttive (Suap) di San Salvo a seguito dei pareri espressi dagli Enti interessati. Il sindaco ha dato incarico all’ufficio legale affinché vengano tutelati i diritti e la salute dei cittadini valutando l’opportunità dell’immediato blocco dei lavori in atto”.
Dal canto loro, i consiglieri di opposizione avevano rilevato come “più si scava e più si rilevano le incredibili regalie assicurate al gestore del medesimo, per il tramite del contratto che lega, per 45 anni, il Comune di Vasto alla ditta De Francesco costruzioni. Ed è proprio in virtù di tale contratto che è stato possibile far spuntare, nella giornata di ieri (l’altro ieri, ndr), la nuova antenna per la telefonia mobile già autorizzata, mesi orsono, all’insaputa dei più. La maggioranza consiliare, in Commissione Vigilanza ed appena qualche giorno fa, – hanno poi sottolineato – ha ritenuto legittimare l’iter concessorio della struttura, nonostante le nostre rimostranze, peraltro sostenute da sentenze del Consiglio di Stato, in ordine all’obbligo del passaggio in Consiglio comunale del relativo atto”.
Ma al di là dell’aspetto procedurale, a preoccupare i consiglieri comunali Davide D’Alessandro, Massimo Desiati ed Etelwardo Sigismondi sono anche “i diritti contrattualmente riconosciuti e concessi al gestore De Francesco costruzioni per il duraturo ed interminabile periodo di 45 anni: con l’atto di concessione – hanno spiegato i Consiglieri di minoranza – il Concessionario acquisisce il diritto all’esercizio della concessione in regime di monopolio; il diritto a far propri tutti i proventi derivanti: dai servizi gestiti direttamente (sosta autoveicoli, ecc…); dai canoni locatizi per eventuali spazi in locazione, dalla vendita di spazi per fini pubblicitari senza l’applicazione di alcun onere, costo o tassa di pubblicità per l’affissione degli stessi, anche se la gestione di questo servizio è affidata a società esterne, in quanto assolte nel canone di concessione versato al Comune; dai servizi eventualmente affidati a terzi; di tutti gli altri servizi ed attività diverse ed innovative riferiti all’utilizzo del parcheggio del piano a livello piazza, compatibili con i precedenti, come da progetto-offerta accettato in sede di gara ed eventuali altri servizi-attività ed il diritto di organizzare e far funzionare i servizi come descritti nel Capitolato. Tutto questo – hanno rilevato D’Alessandro, Desiati e Sigismondi – per un canone versato al comune di 1.000 euro al mese, dicesi mille euro!”. Per questo, per l’opposizione “non c’è da meravigliarsi se sul Parcheggio multipiano, all’improvviso per i cittadini, spunta un’antenna di telefonia mobile dalla cui installazione la Ditta De Francesco ricaverà, si presume, un canone d’affitto. La gestione del multipiano, sulla quale la maggioranza non vuole fare chiarezza, ci riserverà chissà quali altre sorprese, complice una convenzione molto permissiva che rende la struttura, realizzata con fondi pubblici e di proprietà del Comune, incontrollabile. Abbiamo chiesto – hanno proseguito i Consiglieri di minoranza – una convocazione d’urgenza della Commissione Assetto del Territorio per affrontare questa ultima vicenda relativa all’antenna, poiché interessa conoscere il parere dei rappresentanti della maggioranza, i quali, all’opposizione qualche anno fa, autoproclamatisi paladini della salute contro la telefonia, giungevano persino ad incatenarsi. Oggi, invece, nel pieno di un centro storico oggetto di un piano di recupero ed in una zona fortemente popolata, viene installato un traliccio nel più completo silenzio dell’Amministrazione. Sarebbe il caso di conoscere il parere rilasciato dall’Amministrazione durante la conferenza dei servizi prevista dall’iter autorizzativo. Sarebbe il caso di sapere – hanno concluso – che fine ha fatto il cosiddetto ‘Piano antenne’ avviato dalle precedenti Amministrazioni”.
A seguito della risposta dell’amministrazione comunale, a tornare sull’argomento è stato poi il consigliere comunale Davide D’Alessandro che nella conferenza stampa di questa mattina ha sottolineato come “la toppa” messa dall’amministrazione comunale sia “peggio del buco”: “Il contratto di gestione rimanda il privato, per apportare eventuali azioni di miglioramento alla struttura, al Capitolato di oneri che prevede, all’Art. 1 comma 2, l’obbligo, per ogni miglioria, di essere preventivamente esaminata e autorizzata dall’Amministrazione Comunale. Bene, non esiste alcun atto di Giunta che autorizzi la messa in opera dell’antenna, mentre esiste l’atto che autorizza ad esempio il fotovoltaico. Ma l’antenna di telefonia mobile è una miglioria o un affare? L’Amministrazione dice che l’autorizzazione è arrivata dal Suap, ma il Suap non può aver dato parere favorevole senza l’assenso di un funzionario del settore Urbanistica. L’Amministrazione Lapenna non sa che un suo funzionario ha espresso parere favorevole? E l’Assessorato all’Ambiente dov’è, di che cosa si occupa? Nulla sapeva prima che spuntasse l’antenna?”.
Domande che forse troveranno risposta dopo la prossima riunione convocata sulla vicenda dal sindaco; intanto rimane lo stupore per un pasticcio che lascia sul campo molte perplessità.

n.l.

  • davide-d'alessandro - 1
  • ANTENNA MULTIPIANO

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts