Banner Top
Banner Top
Banner Top

Asilo Carlo Della Penna, tutto fermo a due anni orsono

Asilo_Carlo della Penna_1È ancora una volta Davide D’alessandro, consigliere indipendente nell’Aula Vennitti, a dare alle stampe una profonda riflessione sul ruolo del consigliere comunale che il buon Davide definisce inutile. E lo fa partendo dall’impasse che ha coinvolto il recupero dell’asilo Carlo Della Penna, un progetto incluso sia nel piano triennale delle opere pubbliche dell’Amministrazione comunale che nel Piano strategico della macro-area Vasto San Salvo dove figura come polo per l’infanzia.

“Il 28 ottobre – scrive D’Alessandro – non segna soltanto la ricorrenza della Marcia su Roma, ma anche l’approvazione all’unanimità, due anni fa, da parte del Consiglio Comunale di Vasto, di una Mozione che impegnava Sindaco e Giunta a intervenire prontamente per restituire all’ex Asilo Carlo Della Penna, un edificio così glorioso, il decoro che merita. Dopo due anni nessuna erba è stata falciata, nessun intervento è stato fatto, nessun progetto è stato avviato. È stato più facile e veloce prolungare a un privato l’affitto di un parcheggio multipiano da 30 a 45 anni, a mille euro al mese, che non ripulire una struttura dove l’Ente potrebbe destinarci diverse attività e farla dunque rivivere.

A questo punto occorre avviare una riflessione anche sul ruolo del consigliere comunale. Serve ancora? A che cosa? Se in due anni i consiglieri di minoranza hanno fatto approvare, spesso all’unanimità, mozioni di estremo interesse, sui più svariati temi che stanno a cuore ai cittadini e mai nessuno ha trovato realizzazione da parte dell’Amministrazione Lapenna, serve ancora svolgere tale funzione?

Vi è una responsabilità assunta, il giorno del voto, nei confronti dell’elettore. Che non era semplicemente quella di alzare la mano in segno di approvazione o di urlare per opporsi in segno di contrarietà. La responsabilità era ed è quella di provare a fare qualcosa per Vasto. Interroghiamo, presentiamo mozioni, ma tutto resta lettera morta. Sembra un teatrino dove ognuno recita la propria piccola parte, mentre i destini, personali e generali, vengono decisi altrove.

Poi si fanno i convegni e ci si chiede: perché la fiducia dei cittadini nei confronti dei politici è al 4%? Risposta: è ancora fin troppo alta, anche se i politici non sono tutti uguali, anche se un’altra politica è sempre possibile”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts