Banner Top
Banner Top

Provincia: approvata una mozione sul riordino dei Consorzi industriali

coasiv2Ancora una presa di posizione decisa contro la nascita dell’Azienda regionale delle Aree produttive (ARAP). Stavolta l’atto è stato approvato in Consiglio provinciale ieri con 16 voti favorevoli, un voto contrario e due astensioni: una profonda spaccatura nella maggioranza ha segnato il via libera alla mozione presentata dal Vice Presidente, Giuseppe Forte, in materia di riordino dei Consorzi Industriali.

Forte aveva presentato la mozione “al fine di fare chiarezza sulla reale situazione del Consorzio Industriale – COASIV – interessato dal riordino delle funzioni in materia di Aree Produttive operato dalla Regione Abruzzo con la legge n.23 del 29 luglio del 2011”.

In aula l’esponente del PD ha ricordato lunga storia costellata da tanti successi registrati nel corso di decenni dal Coasiv: “L’insediamento negli agglomerati industriali di San Salvo, Vasto e Val Sinello di grandi complessi industriali, favoriti dal COASIV – aggiunto Giuseppe Forte -, ha mutato l’economia di quel comprensorio”. Ora, però, secondo quanto previsto dalla citata legge regionale e dai disciplinari attuativi emanati dall’assessorato regionale si procede alla fusione dei Consorzi Industriali al fine di costituire l’”Azienda Regionale delle Attività Produttive”.

Il Vice presidente del Consiglio provinciale si è soffermato nell’illustrare il consistente patrimonio che il COASIV di Vasto apporterà al nuovo Ente mettendo in risalto il fatto che il suo contributo patrimoniale è stato valutato in 11 milioni e 386 mila euro. Una cifra che rappresenta il 42,90% dell’intero patrimonio dei sei Consorzi Abruzzesi che andranno a costituire l’ARAP. Forte ha messo in risalto il fatto che la sede temporanea dell’ARAP (destinata, secondo il suo pensiero, a diventare poi definitiva), secondo quanto previsto dal comma 9 della legge regionale n.23, sarà fissata a Pescara”.

Alla luce di questi presupposti, che ricalcano anche quanto già portato avanti per la sede del Parco della Costa teatina, Forte è tornato a chiedere con forza l’attribuzione della sede dell’ARAP alla città di Vasto: “il territorio del Vastese non può ancora una volta essere marginalizzato dai centri decisionali, ho inteso impegnare l’amministrazione Provinciale di Chieti, attraverso il Suo Presidente e la sua giunta, ad attuare ogni azione politica ed istituzionale per avviare un confronto con le imprese del territorio, al fine di agire in maniera costruttiva tesa al miglioramento delle scelte legislative regionali, e a chiedere alla Regione Abruzzo che la sede definitiva dell’ARAP sia localizzata nel Comune di Vasto”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts