Banner Top
Banner Top
Banner Top

In Provincia presentata una mozione sulla viabilità in Val di Sangro

Valdisangro_1
Un tratto della Valdisangro

Che le infrastrutture della nostra regione, in particolare quelle viarie, non godano di un ottimo stato di salute pare evidente. Solo qualche settimana fa è stata riaperta l’ex statale 364 in zona di Atessa, dopo che il Consiglio provinciale di Chieti aveva già approvato una mozione presentata dai consiglieri di maggioranza Etelwardo Sigismondi, Angelo Argentieri e Antonio D’Ugo in cui si riconosceva la  condizione di emergenza regionale dell’intero patrimonio stradale della provincia di Chieti e si chiedeva alla Regione di destinare dieci milioni di euro ad un piano straordinario di manutenzione delle strade provinciali.

Sulla critica condizione della viabilità nella provincia teatina è sta presentata una nuova mozione, stavolta da Camillo D’Amico, capogruppo del Pd,una mozione –secondo gli intenti del presentatore – che intende fare chiarezza  e prelude ad una forte assunzione di responsabilità. Ce lo aspettiamo, in particolare dalla regione Abruzzo in cui, con una decisione molto discutibile  ma bipartisan, andremo al voto solo a fine  maggio 2014”.

D’Amico, che sembra proiettato a dare battaglia per una sua possibile candidatura all’Emiciclo, non lesina sferzate contro la gestione regionale del problema “Sarebbe utile che, il periodo supplementare che, governo e consiglio regionale si  concederanno, sarà  per dare un concreto segnale di attenzione al territorio,  cominciando proprio dal problema della viabilità fortemente compromesso  tanto che, come riportato dai media nei  giorni scorsi, la RCS (Società  che organizza il giro ciclistico d’Italia) nel 2014 escluderà l’Abruzzo per le tappe  programmate. E’ la conseguenza della pessima figura rimediata nella tappa San Salvo-Pescara del 10 maggio u.s”.

“La mozione chiede interventi urgenti per la viabilità di collegamento da  e per l’area industriale della Val di Sangro – afferma ancora D’Amico –  una solerte spesa dei fondi  disponibili, l’utilizzo delle economie per il rifacimento dei manti stradali e della segnaletica verticale e orizzontale.

Nella stessa prevedo anche una dichiarazione di “stato di calamità” per l’intera viabilità provinciale. A mio avviso questo potrebbe aprire la possibilità di accesso al reperimento di fondi anche su altri fronti  come la Protezione Civile.

E’ deleterio che in cinque anni di amministrazione regionale del Centro/Destra le Province non abbiano potuto godere di alcun finanziamento per la viabilità.

L’ultimo piano finanziato è stato quello relativo al triennio 2008/2010.

C’erano ancora Ottaviano Del Turco e il Centro/Sinistra”.

Ecco il testo della mozione (aprire in un’altra pagina o scheda per la visione ottimale):

MOZIONE VIABILITA’ val di sangro

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts