Banner Top
Banner Top
Banner Top

Nuovi licenziamenti in Valdisangro

DucatoCome preannunciato nelle scorse settimane il mese di settembre potrebbe essere cruciale dal punto di vista dell’occupazione. Della vicenda Golden Lady si parlerà a parte, ma quel che è certo è che tutta l’area frentano-vastese presenta criticità difficilmente risolvibili anche a causa del lassismo che ha contraddistinto le attività politiche nel merito in questi anni in cui abbiamo continuamente lanciato allarmi mai ascoltati. E se il buongiorno si vede dal mattino, non sarà un gran bel periodo.

Dopo tre anni in cui la ACS, azienda che costruisce le imbottiture per i furgoni della Sevel, ha annunciato la chiusura, poi rimandata grazie al ricorso a misure straordinarie come la CIG e i contratti di solidarietà, il countdown sembra arrivato allo zero.

Il tutto in un momento in cui è incerto il parto dell’Azienda regionale delle Aree produttive (ARAP) che dovrebbe sostituire tutti i consorzi industriali, si parla del Campus automotive con ingenti investimenti e ci si appresta alle consultazioni regionali per il rinnovo delle cariche all’Emiciclo.

Certo partiranno nuove ondate di protesta, scioperi, presidi e si preannuncia anche un incatenamento ai cancelli, ma crediamo che gli esiti, purtroppo, siano scontati.

Qualcuno potrebbe tentare la carta elettorale del tentativo di riconversione che potrebbe salvare i 28 posti di lavoro della ACS, ma staremo a vedere.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts