Banner Top
Banner Top

L’Amministrazione comunale dichiara ufficialmente guerra ai decibel

Il fine settimana ha sancito la dichiarazione di guerra dell’Amministrazione comunale guidata da Luciano Lapenna ai rumori molesti. Nel corso di una conferenza stampa il primo cittadino di Vasto ha annunciato la firma di una convenzione con due tecnici specializzati in analisi fonometriche per reprimere le violazioni dei limiti di emissioni sonore già stabiliti nella passata stagione.

Il sindaco Lapenna ha in primis ricordato che l’Amministrazione è impegnata “nella difesa della collettività da quelli che possiamo definire i rumori molesti, in altre parole il pesante inquinamento acustico che è motivo di grandi problemi per le Forze dell’Ordine e di reclami nei confronti dell’Amministrazione comunale. Da un lato c’è l’interesse di chi vuole divertirsi e fare musica, dall’altra l’interesse di chi, invece, vorrebbe riposare anche durante le ore notturne”.

Quindi ha spiegato i passaggi che hanno portato a una tale decisione. “L’anno scorso – ha aggiunto Lapenna – abbiamo fatto una prima operazione molto importante: abbiamo emanato una ordinanza con la quale abbiamo fissato dei decibel che non possono essere assolutamente superati nella emissione dei suoni. Però è chiaro che si pone sempre il problema di chi è legittimato al controllo. Infatti, abbiamo bisogno di personale qualificato per fare questo e il Comune non ha questo personale, così come nessun Comune d’Italia, dall’altro lato l’ARTA predispone un solo accertatore e rendetevi conti di che significa per questo accertatore correre dietro a tutte le richieste che gli arrivano da ogni parte dell’Abruzzo”.

Lapenna ha spiegato, poi, che da qualche anno la Regione Abruzzo si è dotata di un albo speciale, quello degli Ispettori tecnici fonometrici, e le Amministrazioni comunali nel rispetto della normativa vigente possono stipulare delle convenzioni con questi tecnici e ovviamente chiamarli ogni qual volta si ravvisi la necessità di un accertamento.  “Siamo arrivati – ha detto – a questo dopo una delibera di indirizzo della Giunta che autorizzava il settore competente, e dopo i  successivi atti per l’acquisizione degli elenchi si è definito questo accordo con due ditte di tecnici, il dottor Domenico D’Ottavio e il dottor Marco Luciani, entrambi tecnici competenti in acustica ambientale.

Con loro abbiamo stipulato relativa convenzione e loro da venerdì sono qui per avviare questa preziosissima collaborazione con le Forze dell’ordine e l’Amministrazione comunale nel reprimere questi episodi che ci sono stati e si sono ripetuti negli anni passati  e hanno portato molte volte a esposti alla Procura della Repubblica” .

Ma chi è legittimato a chiedere l’intervento degli specialisti? “è chiaro che non può essere il singolo cittadino – ha aggiunto il primo cittadino – loro sono attivati direttamente dal sindaco in operazioni di controllo, dal Comandante della Polizia Municipale, e dalle Forze dell’Ordine nella persona dei rispettivi comandanti”.

Infine è stato chiarito il procedimento attuato in presenza di una violazione. “Una volta chiamato l’intervento e verificato da parte loro il superamento dei limiti dei decibel verrà redatto da loro un regolare verbale e rimesso per le valutazioni di competenza al sindaco e al comandante della Polizia municipale. Saremo noi poi a valutare quali provvedimenti verranno adottati dalla contravvenzione alla chiusura dell’attività.
Abbiamo rafforzato la posizione dei tecnici con un ulteriore provvedimento adottato dal sindaco, ovvero la nomina ad ispettori ambientali per cui rivestono la qualifica di pubblici ufficiali nell’adempimento di questo importante compito”.

In conclusione Lapenna si è lasciato andare ad un’ultima riflessione: “Quest’anno abbiamo avuto un calo degli episodi di tensioni e denunce  grazie a un’azione di concertazione con le Forze dell’Ordine e la non concessione di alcune autorizzazioni”.

Luca Mastrangelo, responsabile del settore Commercio del Comune, ha aggiunto che “i tecnici effettueranno anche verifiche sistematiche durante la settimana proprio per cercare di controllare il rispetto generalizzato di questi limiti sonori”. È toccato ancora a lui chiarire come il costo del servizio, la cui scadenza è prevista per il 30 settembre “ma l’Amministrazione comunale si riserva di prolungarlo nell’ambito del Progetto europeo di tutela ambientale” sarà variabile in relazione al numero di chiamate e provvedimenti, restando comunque sempre sotto “e di tanto” la soglia dei 40mila euro consentiti dalla normativa italiana ed europea.

“Si tratta di una guerra ai decibel e non agli orari” ha tenuto a precisare il vice-sindaco Vincenzo Sputore, mentre l’assessore Lina Marchesani ha puntualizzato come “siamo il primo Comune in Abruzzo e, forse, in Italia ad adottare un provvedimento simile”.

Il Tenente di Polizia municipale Luigi La Verghetta, presente nelle veci del comandante Orlandino Carusi, ha chiarito come “tali decisioni rientrano nelle politiche di tutela ambientale rafforzate soprattutto negli ultimi 2 anni  Ha chiarito anche come la Polizia Municipale ha un reparto di tutela del consumatore e del territorio nel quale verranno inserite queste operazioni”.

Infine, il dottor Luciani ha parlato di come si espleterà l’attività dei tecnici “l’attività che andremo ad eseguire – ha detto -non sarà decisamente repressiva  delle attività degli esercenti e come ha detto il vice-sindaco  è soltanto per determinare i limiti entro cui esercire la loro attività.

Siamo dotati di uno strumento che si chiama il fonometro, costituito da un microfono  che capterà i decibel emessi dall’eventuale impianto elettro-acustico e da quei valori che verranno comparati con i limiti imposti dall’ordinanza emessa dal sindaco si determineranno i provvedimenti da adottare.” 

Luigi Spadaccini
(spadaccini.luigi@alice.it)

  • Lapenna_Marcello_Sputore
  • Marchesani_La Verghetta_Mastrangelo
  • Mastrangelo_Luciani_Lapenna
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts