Banner Top
Banner Top
Banner Top

Natalia, un anno di scuola a San Salvo e ora torna nel suo Cile

Il presidente del Consiglio comunale di San Salvo, Eugenio Spadano, ha ricevuto questa mattina nella sede municipale la famiglia di Ezio Crisci e Catia Ciafardini che ha ospitato per un intero anno scolastico, nell’ambito del programma Afs Intercultura, una studentessa cilena, Natalia Andrea Foix Sanchez, 17 anni di Santiago.

Il presidente Spadano ha ribadito che San Salvo è una città ospitale e si è augurato che Natalia abbia trascorso qui un buon periodo della sua vita,  che ricorderà con piacere, portando sempre nel cuore la famiglia Crisci. “Sono certo che questi mesi trascorsi a San Salvo – ha detto il presidente del Consiglio comunale – ti abbiano fatto apprezzare e conoscere meglio la nostra cultura e quella italiana.  Voglio sperare che questa città ti possa portare fortuna per realizzare tutti i suoi sogni. Ringrazio la famiglia che ti ha ospitato, la quale ha dimostrato grande modernità e voglia di conoscere cose nuove”.

La ragazza ha frequentato la classe quarta sezione A del Liceo scientifico Mattioli di San Salvo. E’ stata per lei un’esperienza positiva che le ha consentito di vivere in una famiglia tranquilla e accogliente, con due sorelle acquisite come Federica e Letizia Crisci, in una comunità molto più piccola rispetto alla sua città natale. Qui ha avuto modo di apprezzare la possibilità di camminare da sola per strada, di apprezzare il paesaggio, un più marcato senso della famiglia e la cultura di questo territorio. Si è lamentata, sorridendo in maniera spiritosa,  per l’eccessivo consumo della pasta utilizzata molto meno nella loro dieta alimentare. “Qui a San Salvo – ha detto Natalia –  ho trovato molto calore umano e una famiglia accogliente. Mi sono ben inserita a scuola in una classe molto meno numerosa se rapportata al mio Paese. In questi mesi ho potuto apprezzare la vostra cultura e la vostra storia”.

Erano presenti anche il vicesindaco Angiolino Chiacchia e gli assessori Oliviero Faienza e Giovanni Artese.

A Natalia sono stati consegnati, come ricordo per la sua permanenza, una bandiera italiana, la Costituzione Italiana, due libri sulla storia di San Salvo scritti da Giovanni Artese e una pergamena per augurarle fortuna e prospero futuro.

  • natalia_1
  • faienza_chiacchia_natalia_spadano
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts