Banner Top
Banner Top
Banner Top

La spiaggia libera non è di proprietà di alcuno. Ripristinata la legalità nelle aree SIC.

SpiaggiaÈ stata una operazione congiunta dell’Ufficio Circondariale Marittimo-Guardia Costiera, del Gruppo comunale di Protezione Civile e dell’Ufficio Servizi del Comune a ripristinare la legalità nei tratti di spiaggia libera di Vasto Marina mettendo fine, almeno per il momento, alla cattiva abitudine di lasciare piantati ombrelloni e sdraio sull’arenile dopo il tramonto, così da ritrovare tutto a dimora pronto per il giorno dopo. 50 ombrelloni, oltre 20 lettini, 60 sedie sdraio, 20 contenitori con diversi giochi da spiaggia, 1 tavola da wind surf ed 1 barca: questo il bottino del blitz che ha interessato diversi tratti della Marina, soprattutto delle aree SIC, per mettere fine alla violazione all’articolo 3 punto 2 lettere “h” (nella stagione balneare è vietato tirare a secco barche o natanti in genere, salvo che nelle aree a ciò destinate) e “i” (nella stagione balneare è vietato lasciare oltre il tramonto del sole, nei tratti dì spiaggia libera, ombrelloni, attrezzature da spiaggia (lettini, sdraio, sedie, etc.), tende o qualsiasi altra struttura) dell’ordinanza balneare della Regione Abruzzo.

A commento della pregevole iniziativa in una nota diffusa dal Circomare si legge

“Come è noto nei tratti di spiaggia libera, nessuno ed in nessun modo può istituire un diritto di prelazione rispetto al luogo dove piazzarsi per godere del sole e del mare”, spiega il tenente di vascello Giuliano D’Urso, comandante della guardia costiera di Vasto. “Tanti invece hanno l’abitudine (illegale) di piantare l’ombrellone in un punto e di lasciarlo lì, così da avere il proprio posto assicurato per tutta la stagione balneare impedendone la libera fruizione ad altri cittadini”.

Sul destino del materiale sequestrato il commento della nota è lapidario: “E’ ovvio che i proprietari delle attrezzature che dovessero decidere di presentarsi negli Uffici del Circomare per rivendicare ombrelloni e quant’altro incapperebbero nella sanzione di 200 € per ogni singola attrezzatura lasciata sulla spiaggia”.

L’operazione portata a compimento sarà reiterata durante tutta la stagione balneare, come preannunciato dal comandante della Capitaneria di Porto t.v. giuliano D’Urso “al fine di assicurare la libera fruizione delle spiagge libere a favore di tutti i cittadini e vedrà come ulteriori obiettivi anche i natanti lasciati in stato di abbandono sempre sulla spiaggia libera spesso anche in prossimità delle aree dunali”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts