Banner Top
Banner Top

Provincia: Coletti conferma, casse dell’Ente sane

provinciaNon si placano le schermaglie tra l’ex presidente della Provincia di Chieti, Tommaso Coletti, e l’attuale, Enrico Di Giuseppantonio. Al centro del contendere, in questi giorni, le disponibilità di cassa dell’Ente a fronte delle continue lamentele provenienti da corso Marrucino su spending review e impoverimento delle risorse. Dopo che i consiglieri di maggioranza avevano risposto alle prime accuse di Coletti, oggi l’ex parlamentare non si lascia scappare l’occasione di tornare all’attacco.

“La polemica sulla situazione della provincia di Chieti è sterile ed inutile per gli interessi della collettività – dice Coletti – Saranno i cittadini a giudicare le attività delle precedenti amministrazioni provinciali, quelle attive di Febbo e Coletti e quella dormiente di Di Giuseppantonio.  Febbo nel suo quinquennio ha realizzato oltre 100 milioni di opere pubbliche distribuite sul territorio, Coletti oltre 170 milioni. Queste opere sono sul territorio e sono i cittadini ad usufruirne! L’amministrazione di Di Giuseppantonio ha realizzato pochissimo in termini di opere, non oltre otto milioni e tantissimo in termini di chiacchiere sui giornali e sulle televisioni. E’ grave  perchè non riesce a spendere nemmeno i soldi di cui dispone!”

Per avallare le sue affermazioni Coletti  riporta il certificato rilasciatogli dagli uffici competenti della Provincia che attestano le disponibilità di cassa e porta una stoccata in pieno petto all’Amministrazione Di Giuseppantonio.

“Siccome la Provincia di Chieti – chiosa l’ex presidente – non ha venduto il patrimonio, non ha avuto lasciti o donazioni e non ha vinto ne al lotto, ne al totocalcio e non è stata  nemmeno fortunata con i gratta e vinci, la disponibilità nella cassa dell’Ente di quasi venti milioni di euro dopo aver pagato i fornitori e le imprese, significa che l’Ente era ed è sano, che l’attuale amministrazione di centrodestra non riesce a spendere i soldi mentre le strade sono piene di erbacce e tutte in dissesto e che fa solo  una montagna di chiacchiere in attesa  che questa agonia politica finisca”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts