Banner Top
Banner Top

Provincia: il centrodestra risponde alle accuse di Coletti

provinciaEra stato Tommaso Coletti ad attaccare la maggioranza che governa la Provincia di Chieti sulla salute dei conti dell’Ente e accusandola di falsità nell’affermare il contrario. Oggi puntuale arriva la risposta dell’assessore al Bilancio, Alessio Monaco, e dei Capigruppo del Consiglio provinciale Paolo Sisti, Angelo Argentieri, Etelwardo Sigismondi e Giovanni Di Rito.

“Leggendo le quotidiane esternazioni del Consigliere Tommaso Coletti sembra di leggere il libro delle favole, dove tutti vissero felici e contenti”.

“Scusa non richiesta, accusa manifesta, dicevano i latini – proseguono i Capigruppo di maggioranza – pare che l’ex Presidente Coletti si senta spesso in dovere di richiamare le sue capacità amministrative per giustificarsi con grande accanimento e cura del dettaglio, evidentemente per un malcelato e a nostro avviso giustificato senso di colpa. Perché Coletti sa bene (…) che se il fondo di cassa alla data odierna (2013 sic!) ammonta a euro 18.296.889,19 di cui euro 7.912.876, 03 vincolati, è merito solo di una gestione oculata e rigorosa di questa Amministrazione, costretta sin dall’insediamento a ricorrere a soluzioni articolate per fare fronte al mare di debiti trovati ed accertati”.

“Perché Coletti sa bene – proseguono l’Assessore Monaco e i Capigruppo di maggioranza – che se abbiamo reso disponibili oltre 14 milioni di euro nell’ultimo periodo è solo grazie alla politica di risparmio e alla capacità di gestione messe in campo da questa Amministrazione, per cui sono state revisionate migliaia di transazioni in entrata e uscita ed è stata avviata una scrupolosa politica di riscossione delle entrate ferme da anni. Solo così abbiamo potuto dare seguito al pagamento delle imprese e ridare respiro a chi da tempo aspettava quanto dovuto”.

“Perché Coletti sa bene che l’attribuzione di ente in predissesto nel 2010 non è voluto o dipeso dall’amministrazione, bensì dai parametri fissati dal Ministero degli Interni, che nel 2009 li ha aggiornati e adeguati in quanto i precedenti erano inidonei. Peraltro, se gli stessi parametri fossero stati applicati precedentemente, la Provincia di Chieti sarebbe stato classificato in pre dissesto già nel 2009” – precisa l’Assessore al Bilancio, Alessio Monaco.

“Per pagare le imprese, inoltre, nell’ambito del decreto n. 35/2013 che ha sbloccato il pagamento delle Pubbliche Amministrazioni, non abbiamo voluto  ricorrere ai fondi messi a disposizione dal Governo centrale – fanno notare l’Assessore al Bilancio Alessio Monaco e i Capigruppo Sisti, Argentieri e Sigismondi, Di Rito – per non caricare i cittadini di ulteriori tassi di interesse passivi. Questa Amministrazione ha debiti di 140 milioni per i mutui contratti dalle precedenti amministrazioni, e se Coletti ha realizzato le opere pubbliche appaltate durante la sua legislatura, lo ha fatto alimentando questa cifra”.

“Impossibilità di contrarre mutui per i prossimi 40 anni, Ente a un passo dal dissesto, debiti fuori bilancio, drastiche riduzioni dei trasferimenti da parte di Stato e Regione, sacrifici quotidiani da parte degli uffici per garantire medesimi servizi a fronte dei continui tagli e della carenza di personale, riduzione delle indennità degli amministratori e del Presidente del 30%: questa è la verità diciamo a Coletti, che in periodo di vacche grasse avrebbe fatto bene a comportarsi da diligente padre di famiglia invece di spendere, spandere e nutrire false speranze in centinaia di giovani interinali, abbagliati dal posto di lavoro facile e piazzati in ogni angolo dell’Ente nel “quinquennio d’oro” della Provincia di Chieti – concludono i Capigruppo di maggioranza – senza ritegno e rispetto nei confronti in primis dei cittadini, e poi di una politica ormai bistrattata e derisa, anche grazie a chi non si è minimamente risparmiato a renderla tale”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts