Banner Top
Banner Top

Botte tra politici, il commento del centrodestra di San Salvo

comune-san salvoInterviene anche il centrodestra sansalvese a commentare quanto denunciato dal Movimento Cinque Stelle locale riguardo una presunta aggressione che sarebbe avvenuta ai danni di un loro attivista da parte di un esponente di Sel. Condizionali d’obbligo visto che, come riferito dallo stesso M5S, sarebbero in corso indagini da parte dei carabinieri, a seguito della denuncia presentata.
Il Popolo della Libertà, San Salvo Città Nuova e Lista Popolare stigmatizzano la notizia: “È davvero scioccante ciò che è accaduto a San Salvo, che non fa onore alla Città, e che ha avuto per protagonisti due personaggi politici locali. Nei giorni scorsi, in un piazzale della zona industriale, si è consumata un’aggressione di cui gli organi di informazione hanno già riportato alcuni dettagli. Episodio che deve essere stigmatizzato per le modalità con cui è stato preceduto e poi si consumato”.
“Non si può restare in silenzio – rimarcano i partiti di maggioranza – e far finta che nulla sia accaduto, anzi che si voglia evitare di parlarne quasi a voler coprire l’episodio. Come cittadini e come politici abbiamo sempre lavorato tra la gente per promuovere un clima di confronto, nel rispetto dell’altro e delle sue idee. Non abbiamo mai praticato né professato l’odio verso il nostro antagonista e pertanto riteniamo doveroso analizzare l’episodio esigendo un atto di responsabilità ai partiti nei confronti di tutta la città.”
“Niente può giustificare la violenza fisica” proseguono nel comunicato diramato oggi. “Nessuna idea politica diversa dalla propria può giustificare la violenza anche verbale, nei modi e nei toni, nei confronti di chi non la pensa come noi. Ciò che più stupisce è che uno dei protagonisti di questa vicenda il giorno prima aveva firmato un documento sulla sicurezza accusando l’amministrazione comunale di immobilismo. Quanta ipocrisia! Non si può dire di essere democratici se poi nella pratica quotidiana si fa ricorso a metodi che nulla hanno a che vedere con la storia di San Salvo, dove si è sempre agito in maniera civile e nel rispetto dell’altro. Chiediamo a tutte le forze politiche, e in particolare all’area di appartenenza del presunto responsabile dell’agguato, non solo di dissociarsi e biasimare questo gesto, ma di prendere le istanze con atti ufficiali e pubblici”.
“San Salvo – concludono dal Pdl, San Salvo Città Nuova e Lista Popolare – merita più concordia e rispetto delle regole democratiche soprattutto tra quanti hanno la responsabilità politica e civile.”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts