Banner Top
Banner Top

PdL a conclave, nasce un nuovo gruppo di lavoro

consiglio comunale-nta-tares-giangiacomo-marcovecchio Mentre la coalizione di centrosinistra è alle prese con una pesante crisi di maggioranza e con la ridistribuzione delle deleghe in Giunta; mentre l’Italia dei Valori va a caccia di tessere per cercare di risollevare un progetto politico affossato dalle note vicende che hanno coinvolto il management del partito, a Vasto il centrodestra, o almeno una parte di esso, cerca di riorganizzarsi in vista delle prossime consultazioni elettorali. Il Popolo della Libertà vastese, uscito rinvigorito dal recente successo cittadino alle parlamentarie, alimentato come in tutta Italia dalla campagna a spron battutto del Cavaliere, il 30 aprile u. s. al Multisala del Corso, ha tenuto un’assemblea degli iscritti nel corso della quale si è deciso di formare un gruppo di lavoro per predisporre un progetto programmatico per la riorganizzazione del Partito nella città di Vasto che, attraverso varie tappe, porterà all’individuazione di un nuovo coordinamento cittadino scelto mediante la consultazione degli iscritti. Del gruppo fanno parte Antonio Prospero, Manuele Marcovecchio, Guido Giangiacomo, Novella Amicarelli, Alessandra Cappa, Nagana Cupaiolo, Gaetano D’Onofrio, Pamela D’Orazio, Giacinto Mariotti, Sergio Menna, Antonio Monteodorisio, Francesco Prospero, Nicola Salerni, Piero Sisti, Nicola Smargiassi, Stefano Suriani, Arnaldo Tascione, Alessandro Tucci e Massimiliano Zocaro. Un gruppo in cui sono rappresentate tutte le anime del PdL vastese, quella ex Udc che fa capo a Prospero, quella ex AN, anche se non si può non  notare l’assenza del coordinatore pro tempore Dario Ciancaglini, e quella taglientiana, anche se l’ex presidente del Consiglio regionale ha evidentemente deciso di non comparire.

Tutto questo finalizzato – scrivono in una nota congiunta Lucio Cieri, coordinatore provinciale del PDL, e Daniele D’Amario, suo vice –  al rilancio dell’iniziativa politica della città che, mai come in questo momento, ha bisogno di una risposta concreta all’immobilismo amministrativo che la sta caratterizzando da troppo tempo. A tale scopo, nel mese di giugno, il PdL vastese terrà un’assemblea programmatica atta ad illustrare il lavoro che si intende svolgere”.

Certo, bisognerà superare le profonde lacerazioni che in tutti questi anni hanno ostacolato il percorso politico del centrodestra vastese, ma, probabilmente, compito del gruppo in primis e del nuovo coordinamento poi sarà anche quello di riaprire una finestra di dialogo sia con gli approdati in Fratelli d’Italia sia con coloro che si riconoscono nel progetto di Massimo Desiati.

Luigi Spadaccini
(spadaccini.luigi@alice.it)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts