Banner Top
Banner Top

Enti di trasporto regionali: no al taglio degli stipendi di direttori e dirigenti

Enti_trasporto_regioneE scoppia un nuovo caso in Consiglio regionale. Infatti la Legge Regionale 1/2011 emanata dall’Emiciclo impone di ridurre gli stipendi dei numerosi direttori e dirigenti presenti nelle aziende di trasporto locale di proprietà della Regione, ovvero Arpa, Gtm e Sangritana, ma, a tuttora, tale provvedimento è stato disatteso per volontà autonoma degli stessi Enti regionali.

A sollevare la questione è la rappresentanza del Partito Democratico, che, attraverso le parole del consigliere Claudio Ruffini, non perde l’occasione per attaccare Chiodi e C: ”È una singolare vicenda che dimostra ancora una volta come questa Giunta regionale non sia in grado di prendere decisioni e di farle rispettare – dice Ruffini – In barba alla volontà del Consiglio regionale e, presumibilmente con il solo avallo dei rispettivi Consigli di amministrazione, i dirigenti hanno ignorato la normativa, applicando addirittura il recupero delle somme con effetto retroattivo”.

Secondo l’esponente del PD la legge competente in materia è solo quella regionale, che, qualora non sia impugnata dal Governo dinanzi la Corte Costituzionale che è il solo Istituto che può dichiararne l’invalidità, è l’unica valida: ”la norma regionale è legittima, non essendo stata impugnata dal Governo, e deve essere fatta rispettare così come ha deciso il legislatore regionale, perché tuttora vigente”.

Ed è proprio su quella normativa che trova fondamento l’obbligo di  riduzione dei trattamenti economici del direttore e dei dirigenti delle società di trasporto pubblico locale di cui la Regione è socio unico o controllante.

Sulla vicenda, Ruffini darà battaglia nel Question Time partendo da un’interrogazione al Presidente della Giunta, Gianni Chiodi, e all’assessore ai Trasporti, Giandonato Morra, tesa a conoscere se intendono far rispettare la L.R. n.1/2011; qual è’ la volontà del Consiglio regionale e quali saranno le azioni che pensano di mettere in campo affinché ”non siano sempre i cittadini a pagare le riduzioni dei trasferimenti statali al Settore regionale dei trasporti”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts