Banner Top
Banner Top

Maxi operazione nel teramano contro l’imprenditoria cinese

laboratorio tessileSono stati giorni di duro lavoro quelli dell’ultimo mese e mezzo per i carabinieri del nucleo ispettorato del Lavoro ed Ispettorato di Teramo, impegnati nell’operazione denominata “Filorientale” che ha interessato l’intera area della Val Vibrata. Sotto la lente degli investigatori soprattutto i  laboratori tessili e di pelletteria gestiti da cinesi, spesso impegnate in produzioni per grandi ed importanti griffe italiane, per i quali è scattata la verifica della corretta attuazione delle norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro ed una caccia all’emersione del lavoro nero e sommerso.

L’operazione “Filorientale” ha consentito di perquisire 30 laboratori, alla fine tutti irregolari, e di identificare 296 lavoratori extracomunitari, di cui 75 in nero, e tra questi 16 clandestini ed un minore, e si è chiusa con la denuncia a piede libero di 30 cittadini cinesi, il sequestro di 22 laboratori, per un valore complessivo di 8,5 milioni di euro; 1.379 prescrizioni per violazioni alle normative sulla sicurezza per 7 milioni di euro, 19 sospensioni di attività imprenditoriali e sanzioni amministrative per 333mila euro. Inoltre, è stata accertata un’evasione contributiva di oltre 1,2 milioni di euro. Un lavoratore su tre è stato trovato in nero e tutti operavano in locali umidi e fatiscenti, senza riscaldamento e senza alcuna garanzia igienica e di sicurezza.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts