Banner Top
Banner Top

Sulla riforma delle Ater è lotta tra Mia e Regione

Rapagnà_PioNon si ferma la battaglia di Mia Casa d’Abruzzo, il sodalizio che riunisce gli inquilini delle abitazioni Ater, avverso “l’approvazione da parte del Consiglio regionale sia del Progetto di Legge n. 428/2012 delle Giunta Regionale e sia del Progetto di Legge n. 378/2012 presentato dal Partito Democratico, poiché ambedue, con la scusa di una “tardiva e contraddittoria” riforma della Edilizia Residenziale Pubblica e delle ATER, prevedono “proprio” la “rivisitazione” e il raddoppio dei canoni di locazione e la cancellazione della Legge Regionale n. 96/96”. A confermarlo è proprio il coordinatore del sodalizio, Pio Rapagnà che, definendo il quadro di crisi sociale ed economica in cui versa tutta la regione, sottolinea con forza come “è “improponibile” oggi, ogni e qualsiasi “aumento” dei canoni sociali attualmente determinati dalla Legge Regionale n. 96 del 1996, bisogna “prima” provvedere al taglio e alla razionalizzazione delle spese di gestione e di amministrazione delle 5 ATER, mentre lo Stato ed i Comuni devono fare marcia indietro sull’IMU e “rinunciare” alla loro quota percentuale di imposizione sugli alloggi ATER di proprietà pubblica.

In particolare iI Mia Casa si concentra sulla difficile situazione dell’aquilano e, “tra l’altro, “respinge” i due progetti di legge poichè con essi si vuole modificare proprio adesso la “ragione giuridica e sociale” delle 5 ATER e dei rispettivi Inquilini, sia rispetto ai “nuovi e maggiori” costi di alienazione e di “riscatto” degli alloggi da parte degli attuali assegnatari, e sia per lo specifico contesto nel quale, proprio da parte dell’ATER dell’Aquila, si sta cercando di attuare la “ricostruzione pesante” degli edifici residenziali classificati E distrutti dal terremoto e che, pur essendo di proprietà della medesima ATER e del Comune dell’Aquila, dopo 4 anni dal 6 aprile 2009, sono ancora in uno stato di abbandono e di deprecabile degrado”.

Ecco perché il “Mia Casa d’Abruzzo chiede alla Regione di convocare una “Conferenza regionale straordinaria” sulla Edilizia Residenziale Pubblica e sulla “razionalizzazione” delle ATER”

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts