Banner Top
Banner Top

“Il risiko dei petrolieri in Abruzzo e Molise”

medoilNuovo allarme sul fronte petrolifero lanciato dal Wwf Abruzzo che denuncia: “Continua il risiko della Medoilgas sull’Abruzzo e il Molise. Dopo Ombrina arrivano due istanze di ricerca di idrocarburi su 151.000 ettari delle due regioni con 39 comuni del chietino coinvolti”.
L’elenco dei 39 comuni del chietino coinvolti in quella che viene definita una “escalation”è il seguente: Archi, Atessa, Bomba, Borrello, Carpineto Sinello, Casalangiuda, Carunchio, Castelguidone, Castiglione Messer Marino, Celenza sul Trigno, Civitaluparella, Colledimezzo, Dogliola, Fallo, Fraine, Fresagrandinaria, Furci, Gissi, Guilmi, Lentella, Liscia, Montazzoli, Montebello sul Sangro, Monteferrante, Montelapiano, Palmoli, Pennadomo, Pietraferrazzana, Quadri, Roccaspinalveti, Roio del Sangro, Rosello, S. Buono, Schiavi d’Abruzzo, S. Giovanni Lipioni, Tornareccio, Torrebruna, Tufillo, Villa. S. Maria.
Il Wwf ricorda che la scadenza per presentare le osservazioni  su queste due istanze da parte di enti, associazioni e cittadini è l’11 maggio e ribadisce l’invito a partecipare alla manifestazione del 13 aprile a Pescara, con appuntamento alla Madonnina del Porto alle 15,30.

Per approfondimenti: Istanza “Agnone” e istanza “San Buono”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts