Banner Top
Banner Top

8 marzo, Giornata internazionale della donna

amiche-festa-donna1La redazione de Il nuovo online porge i più calorosi auguri alle proprie lettrici e a tutte le donne per questa giornata speciale.
Ancora oggi, nonostante diverse ricerche effettuate soprattutto tra gli anni ’70 e ’80, è ancora diffusa l’erronea convinzione che la scelta dell’8 marzo, come data per celebrare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia legata all’evento funesto del rogo dell’inesistente fabbrica di camice Cotton, nel 1908, a New York, nel quale avrebbero perso la vita centinaia di lavoratrici.
Certamente in questa giornata si celebrano anche le donne vittime sul lavoro, ma la tragedia più vicina all’episodio erroneamente citato è quello della fabbrica Triangle, sempre di New York, accaduto il 25 marzo 1911, che non spiegherebbe comunque la scelta di questa data precisa.
Le “premesse” di questa festa vengono invece fatte risalire ad alcuni incontri tenutisi negli Stati Uniti e promossi dal Partito socialista; in un’occasione in cui erano state invitate sole donne, a parlare fu proprio una di loro, Corinne Brown, a causa della defezione dell’oratore ufficiale. A quella prima “adunata di donne” seguì (anche se non per diretta correlazione di causa-effetto) uno storico sciopero che vide come protagoniste più di 20mila operaie tessili newyorkesi. La fine dello sciopero e la “raccomandazione” del Partito socialista d’America a dar seguito a quel primo incontro in cui si era discusso di discriminazioni e diritto di voto portarono così alla prima e ufficiale “Giornata della donna”, celebrata il 28 febbraio 1909.
Ma, evidentemente, dell’8 marzo non c’è ancora traccia.
Per la data fatidica bisognerà attendere il 1917 e passare dall’altra parte dell’oceano: l’8 marzo 1917, infatti, a San Pietroburgo le donne guidarono una grande manifestazione per chiedere la fine della guerra. Per questo episodio, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste a Mosca si scelse proprio quella data per indicare una giornata comune a tutti i paesi in cui celebrare la giornata della donna.
Facile immaginare, quindi, anche il perché l’origine storica della festa sia stata soppiantata dalla “leggenda metropolitana” del rogo alla fantomatica fabbrica Cotton: dopo la Seconda guerra mondiale, infatti, la connotazione fortemente politica della festa e l’isolamento politico della Russia e dello stesso Partito comunista contribuirono ad alimentare nuove e fantasiose “versioni”.
Oggi, naturalmente, nulla è rimasto di quella connotazione storico-politica, ma non ci sembra un buon motivo per continuare ad alimentare fantasiose ricostruzioni.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts