Banner Top
Banner Top

Lavori di pubblica utilità: risultati significativi in provincia di Chieti

Guida_in_stato_di_ebbrezzaI lavori di pubblica utilità rientrano in un programma portato avanti dalla Provincia di Chieti a partire dal 2011. Il progetto prevede la possibilità, per i condannati per guida in stato di ebbrezza che si trovano nella situazione di poterne beneficiare, di svolgere un’attività lavorativa non retribuita presso gli uffici dell’Ente: un’occasione di riflessione e di rieducazione. In questi giorni è stato fatto il primo bilancio di quanto è successo in questo biennio: 122 richieste, convenzioni con i Tribunali di Chieti, Lanciano e Vasto, 4mila 483 giorni di prestazioni lavorative, pari a 8mila 966 ore, accolte anche domande di non residenti e di dieci donne; questi alcuni dei risultati più significativi.

Come è logico che sia, i Lavoratori di Pubblica Utilità sono inseriti in diversi contesti lavorativi, anche in considerazione dell’età, della condizione fisica, delle effettive possibilità di svolgere le mansioni richieste e costituiscono un valido supporto per le squadre impegnate nei servizi relativi a viabilità, manutenzione immobili, organizzazione di manifestazioni pubbliche, promozione turistica e culturale, progetti di promozione di politiche sociali e di tutela ambientale, archivio, gestione della posta e del protocollo.

È un impegno delle Istituzioni trovare gli strumenti concreti per individuare percorsi di effettivo recupero sociale – afferma il Presidente Di Giuseppantonio – Con questa azione abbiamo dimostrato efficacia ed efficienza grazie a una proficua collaborazione tra Enti pubblici e Tribunali a beneficio esclusivo dei cittadini”.

I vantaggi del Lavoro di Pubblica Utilità – sottolinea dal canto suo il Consigliere Sisti – sono molteplici: da una parte il condannato potrà usufruire di circostanze premiali quali l’estinzione del reato,  la revoca della confisca dell’autovettura ed il dimezzamento del periodo di sospensione della patente; dall’altra l’Ente   potrà utilizzarli gratuitamente per portare avanti tutte quelle attività che riterrà opportune, così come prevede l’articolo 1 del Decreto Ministeriale 26 marzo 2011”.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts