Banner Top
Banner Top

Tagli all’assistenza domiciliare: la risposta della ASL

assistenza_domiciliareLo avevamo anticipato proprio stamane: la ASL 02 era in procinto di tagliare l’assistenza domiciliare e sospendere le cure fisioterapiche. Pronta è arrivata la risposta al consigliere comunale del Pd Leo Marongiu da parte del direttore del Distretto sanitario di Lanciano, Rosa Borgia, secondo il quale si sarebbe fatto dell’inutile quanto facile allarmismo in quanto la revisione dei programmi assistenziali non penalizzerà in alcun modo gli aventi diritto.

”Abbiamo avviato – ha dichiarato la Borgia – un percorso di rivalutazione di questo regime di assistenza seguendo, per la prima volta in questo territorio, le regole dell’appropriatezza. Non stiamo applicando tagli, ma semplicemente rivedendo i profili di cura dei nostri pazienti per verificare il reale fabbisogno e dare a ciascuno le prestazioni che servono. I diritti degli assistiti saranno garantiti come prima, ma dentro un sistema di regole che poi sono le stesse seguite in tutti gli altri Distretti”.

Viene, però, altresì specificato che la fase di revisione sarà demandata a visite specialistiche anche domiciliari ed alla susseguente discussione tra il medico di medicina generale e l’Unità di valutazione multidimensionale, che porterà a definire nel modo migliore un giudizio sul paziente e lo schema terapico più appropriato.

Non hanno motivo di temere, dunque, i cittadini che hanno reale necessità di cure alternative al ricovero ospedaliero, che saranno ugualmente assicurate – ammonisce la Borgia – Non sarà lo stesso per le prestazioni inappropriate, fornite indiscriminatamente in passato in assenza di un regime di controlli. Il nuovo sistema di regole consentirà di recuperare risorse che saranno impiegate per potenziare i servizi del Distretto e migliorare l’assistenza territoriale”.

Restano, però, i dubbi sulla vicenda, in quanto il direttore distrettuale non risponde a Marongiu sulla questione del mancato preavviso né smentisce di fatto che l’interruzione del servizio ci sia stato.

Anche a Vasto la situazione viene seguita con molto interesse visto l’alto numero di utenti che ricorrono a queste forme assistenziali extra-ospedaliere ed anche noi seguiremo attentamente gli ulteriori sviluppi.

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts