Banner Top
Banner Top

Abruzzo: pesanti i dati della crisi del commercio

negozio.chiusoDopo i dati allarmanti di Istat, Eurispes e CRESA, ecco l’ennesima fotografia di una crisi asfissiante che non tarda a passare: stavolta lo scatto è stato fatto da ConfEsercenti Abruzzo che ha voluto inquadrare lo stato di salute del settore commercio nella nostra regione. Quel che ne è uscito fuori è una immagine in scala di grigi che ben si addice anche a quanto possiamo osservare quotidianamente nella nostra città dove sempre di più si notano vetrine anche storiche  ormai desolate e l’aumento costante degli annunci di cessione attività ed affittasi locale. In Abruzzo, nell’arco temporale tra il 2007 e il 2012, un negozio di abbigliamento su cinque ha chiuso i battenti; hanno chiuso i battenti il 19,3% delle rivendite alimentari e il 9,7% delle strutture ricettive. In tutto il settore terziario, sono stati persi ben 5.117 posti di lavoro fra titolari e dipendenti. La situazione che genera maggiore preoccupazione, però, è quella del settore abbigliamento, nel quale si è avuta la chiusura del 22% delle attività.

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts