Banner Top
Banner Top

È di Atessa l’azienda che risolve la clorosi ferrica

Finalmente una buona notizia dal mondo produttivo locale, in un momento di crisi che vede in continuazione l’apertura di nuove vertenze per la costante crisi di produttività e di lavoro che non risparmia la zona del vastese, come dimostrano le difficoltà di molte aziende della Val di Sangro e delle zone industriali di Vasto, San Salvo e Fondovalle Sinello.
Valagro, azienda leader nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti a basso impatto ambientale, è la prima realtà in Europa a registrare la sostanza che risolve efficacemente il problema della clorosi ferrica delle piante, ovvero il mancato assorbimento di ferro da parte delle radici. L’azienda abruzzese, che ha la principale sede ad Atessa, ha infatti completato l’iter di registrazione REACH presso l’agenzia europea ECHA per la sostanza Fe (Na3) EDDHSA come Lead Registrant. Avendo completato tutti gli obblighi previsti dal regolamento e avendo superato l’iter di controllo per la completezza del dossier, Valagro è diventata la prima azienda in Europa ad effettuare la registrazione per questa sostanza.

“Oltre a garantire l’efficacia della sostanza e la sua sicurezza d’impiego, nel pieno rispetto della salute dell’uomo e dell’ambiente, la registrazione presso ECHA – spiega l’azienda – rappresenta un’ulteriore conferma della validità e dell’alto livello della ricerca scientifica condotta da Valagro, che rafforza così le proprie credenziali come azienda leader nel settore di riferimento.”
Fe(Na3)EDDHSA EC 283-042-4 è, infatti, un ferro chelato che può essere utilizzato come fertilizzante anche in agricoltura biologica in Europa. Si tratta di una sostanza ad elevata solubilità, che garantisce una maggiore efficacia nel contrastare la clorosi ferrica, un problema derivante dal mancato assorbimento del ferro da parte delle radici che colpisce in particolare alcune colture come uva da tavola, pero, fragola, pomodoro, kiwi e agrumi. La registrazione REACH è frutto del costante investimento di Valagro in attività di ricerca e sviluppo, per le quali l’azienda destina ogni anno oltre il 2% del proprio fatturato, per una cifra pari a circa 2 milioni di euro.

(fonte: AGI)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts