Banner Top
Banner Top

Vastese, contatti avviati con Giordano e Protti

Sembrava tutto fatto, mancavano solo le firme. C’era anche l’accordo sui programmi e la squadra da allestire, sia con Gianluca Colavitto che con Franco Di Battista, il primo chiamato al posto di Aldo Papagni, il secondo in sostituzione del diesse Pino De Filippis. Sembrava ma non è stato così perché in queste ultime ore in casa biancorossa è successo un autentico ribaltone, per certi aspetti anticipato all’inizio della scorsa settimana da un comunicato con la quale la società aveva preso posizione dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi che davano per scontato il ritorno a Vasto dell’ex tecnico dell’Avezzano,ribadendo altresì la necessità di rinforzare il gruppo dirigente per costruire una Vastese più forte sia in campo che fuori. Insomma, si sta lavorando su un programma ambizioso e non di transizione.

Ecco perché, al di là di quelle che sono le smentite di facciata, la società ha deciso di abbandonare le piste che portavano a Colavitto e Di Battista per puntare su altri uomini. Quali? Lo sapremo nei prossimi giorni, dopo l’ufficialità dei nuovi quadri societari. Sulla rampa di lancia ci sarebbero Igor Protti per la panchina e Bruno Giordano per il ruolo di direttore sportivo: il primo, club manager del Livorno, nella sua lunga carriera di calciatore è stato, assieme a Dario Hubner, l’unico giocatore capace di essere capocannoniere in serie A, serie B e serie C1. Il secondo, attualmente impegnato con il Gragnano, è stato il calciatore con il maggior numero di reti realizzate nelle coppe nazionali con la maglia della Lazio. Si tratta chiaramente di voci. Tutto sarà deciso nei prossimi giorni.
LA DELUSIONE DI COLAVITTO: Il tecnico campano c’è rimasto male anche se spera ancora in una inversione di rotta. Anche perché solo dieci giorni fa aveva detto di no al Matelica. Si, proprio così, perché Francesco Micciola lo voleva in terra marchigiana. Lui, invece, dopo aver portato in salvo l’Avezzano, compiendo un autentico piccolo miracolo, sarebbe tornato volentieri in biancorosso per dimostrare a tutti che la scelta di Franco Bolami di esonerarlo un anno e mezzo fa è stata sbagliata. Insomma, aveva assaporato l’idea di tornare a vincere con quella Vastese riportata quattro anni fa in serie D. Una idea che probabilmente resterà solo sulla carta perché la società biancorossa ha deciso di affidarsi ad atri uomini, in panchina, in campo e in società.
LA SOCIETA.’ Il presidente Franco Bolami ed il coopresidente Pietro Scafetta stanno lavorando da diversi giorni con il chiaro intento di allargare i quadri dirigenti per fare una Vastese più competitiva sotto tutti i punti di vista. Ci saranno nuovi sponsor e nuovi ingressi in società per rendere la società più forte sia per il presente che per il futuro. L’intento è quello di programmare una stagione di una certa importanza: nessun proclama, non saranno ripetuti gli errori commessi lo scorso mese di luglio ma una società decisa a tutto pur di alzare l’asticella. Molta importanza sarà dedicata all’impiantistica sportiva (l’intento della dirigenza è quello di prendere in gestione il campo sportivo dei Salesiani per farlo diventare una piccola cittadella dello sport) e alla crescita di tutto il settore giovanile. Anche se la priorità resta quella di allestire una squadra di una certa importanza. Nessuno, qui a Vasto, vuol rivivere le sofferenza del campionato che si è concluso un mese fa, con il raggiungimento della salvezza acquisita solo dopo il complicato spareggio con l’Agnonese.
GAETANO QUAGLIARELLA (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.