Banner Top
Banner Top

Sosta selvaggia al mare. Strage di multe da 41 euro

Sosta selvaggia. Prima domenica al mare con sorpresa in città. Pioggia di multe per le macchine parcheggiate sui marciapiedi, all’altezza di strisce pedonali, in piena curva, o negli spazi destinati alle auto per disabili e portatori di handicap e in galleria. E’ accaduto ieri alla Marina. La prima domenica di sole ha affollato i lidi.  Il ”popolo” dei vacanzieri della domenica ha approfittato della bella giornata per raggiungere in massa la località rivierasca. Decine di automobilisti dopo aver trascorso la giornata in spiaggia hanno ritrovato sul parabrezza un verbale per divieto di sosta.

La polizia locale nei giorni scorsi aveva più volte ribadito che il parcheggio selvaggio non sarebbe stato più tollerato, perchè spesso motivo di pericolo e intralcio per il traffico. Così è stato. Le auto lasciate sotto i viadotti per proteggerle dal sole, o lungo la Statale , sopra le rotatorie e lungo le zone a rischio dei viali sono state tutte multate.

“Non è giusto”, si è lamentata una pensionata. “E’ assurdo che in estate, la gente debba ritrovarsi una multa sull’autovettura solo perché Vasto non riesce a garantire parcheggi a sufficienza per chi va in spiaggia. Così non si favorisce affatto il turismo”. Tante le proteste. “Questo non è turismo”, ha protestato una comitiva . “Oltretutto si continua a togliere spazio alle auto per piste e aree riservate. Non esistono bus navette. Dobbiamo rinunciare al mare? Il Comune, anziché inveire sui turisti e sui cittadini che portano economia sul litorale, potrebbe multare chi non raccoglie le feci degli animali o chi non rispetta la raccolta differenziata “.

Gli agenti della polizia locale in realtà hanno fatto il loro dovere . Il problema di fondo è che a Vasto mancano parcheggi. “E’ chiaro che ci deve essere il rispetto delle regole“, dice Marco Di Michele Marisi segretario cittadino di Fratelli d’Italia.“E’ altrettanto vero tuttavia che se i posti auto non sono sufficienti, buonsenso e tolleranza uniti all’accoglienza turistica,imporrebbero di non fare multe solo per fare cassa facendo scappare i turisti. Anche perchè altri spazi per parcheggiare non ci sono. Perchè l’amministrazione non si decide ad adeguare il parcheggio di via Martiri istriani che nessuno vuole acquistare rendendolo fruibile con un bus navetta per il litorale?”, chiede Marisi.

“Ogni anno si ripete la stessa storia”, aggiunge Davide D’Alessandro (Lega). “La Marina diventa il posto ideale per tartassarei bagnanti. Ma invece di fare cassa con le multe perchè l’amministrazione non mette a disposizione altre aree di sosta e non risolve il problema delle lunghe code per raggiungere il mare. Perchè insistere con l’accensione di un semaforo che crea solo disagi”? chiede Davide D’Alessandro.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.