Banner Top
Banner Top
Banner Top

Cinghiali sotto le case, le famiglie sono assediate

Una imprenditrice bloccata in auto dai cinghiali in via San Biagio, una famiglia sequestrata a casa in via Incoronata, come accaduto due giorni prima all’imprenditore Mario Puccioni a Punta Penna. Avvistamenti in via Santa Lucia non lontano dall’ospedale. Il freddo e le avverse condizioni meteo spingono i cinghiali in città. Decine le richieste di aiuto arrivate all’avvocato Angela Pennetta rappresentante del comitato sorto per trovare una soluzione all’invasione degli ungulati. Vista l’emergenza, il sindaco Francesco Menna chiederà al prefetto di Chieti un incontro.

Nel frattempo va avanti la petizione estesa a 30 comuni del Vastese. “Il problema è davvero grosso”, dice l’avvocato Angela Pennetta. “Martedi sera una mia amica è tornata a casa in via San Biagio e per diversi minuti non ha potuto scendere dall’auto. I cinghiali nonostante la presenza dei cani scorazzavano sul vialetto della sua casa. Si è spaventata moltissimo. Questa mattina è accaduto ad un’altra amica che abita all’Incoronata. Non è più tollerabile. Ringrazio il sindaco di Vasto, Francesco Menna, perchè ha deciso di rendersi portavoce dell’emergenza con il prefetto. I cittadini sono esasperati. Lo si evince anche dai messaggi che vengono riportati su facebook. C’è chi vorrebbe fare una mattanza è portare poi le carcasse davanti alla Provincia e alla Regione. Io sto invitando i cittadini alla calma, ma la paura spesso rende irrazionali. La speranza”, dice Angela Pennetta “è che finalmente si intervenga con azioni concrete e non più solo promesse”.

Poi la Pennetta aggiunge. “L’emergenza è anche sanitaria. Pare che qualche esemplare abbattuto fosse affetto da tubercolosi. Senza contare le zecche e gli insetti”.

L’avvocato Pennetta ricorda che i sindaci del Vastese hanno stampato un modulo che i cittadini possono firmare nel municipio di residenza. A Vasto la petizione può essere firmata oltre che nello studio legale Pennetta in diversi locali: edicola piazza Rodi, bar La Sterlina, Hedo cosmetici, edicola via Del Porto, Sport time, bar Martone, ottica Checchia, edicola Di Lanciano, La Parisienne, gioiellerie Melle, La Perla e Corvino, nei negozi di abbigliamento Melle, Memmo e Elena Mirò, calzature Longhi e Igloo, salumeria Belfiore, ottica Vincitorio, macelleria Stivaletta, farmacie Pietrocola, Savelli e Russi).

Chi vuole firmare deve esibire un documento di riconoscimento. Le persone ricoverate al San Pio, se lo desiderano, saranno raggiunte.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.