Il biologico nelle mense scolastiche sarà il tema dell’incontro in programma oggi 16 maggio al Polo museale di Lanciano a partire dalle ore 15.30

Cibi bio e prodotti del territorio, a Lanciano la mensa scolastica è green

6a00d83475e79053ef0240a45df71b200c-500wi

Mensa biologica certificata in due nidi d’infanzia di Lanciano e bio-sostenibile nella altre scuole del circondario, oltre 40 Comuni in tutto: punta in alto il servizio di ristorazione scolastica, che sotto la guida del Servizio Igiene degli alimenti e della nutrizione della Asl Lanciano Vasto Chieti, diretto da Ercole Ranalli, ha imboccato la strada dell’alta qualità e della filiera corta, privilegiando le produzioni locali. La scelta fa riferimento a norme che fissano una serie di paletti, a partire dalla stagionalità dei prodotti, passando per la guerra agli Ogm per finire all’utilizzo degli aromi, che devono essere rigorosamente naturali e mai di sintesi chimica.

Ma oltre alle caratteristiche di qualità e ai benefici prodotti in termini di salute, la formula adottata a Lanciano e dintorni ha anche ricadute sotto il profilo etico, perché improntata alla riduzione dello spreco alimentare e al recupero dei prodotti non somministrati da destinare a fini sociali e benefici. E un pensiero va anche all’ambiente, con l’adozione di stoviglie durevoli, che riducono il volume di residui da smaltire, mentre va a incidere sulla riduzione dell’emissione dei gas la preferenza accordata ai prodotti biologici provenienti da una distanza non superiore a 150 chilometri.

L’attenzione al territorio viene espressa anche attraverso l’utilizzo di specialità di qualità a marchio Dop o Igp, come lo zafferano, la patata del Fucino, le lenticchie di Santo Stefano, il vitellone bianco dell’Appennino, oltre a tipicità come il fagiolo tondino, ceci di Navelli, cereali antichi, caciotta frentana, maiale nero, olio extra vergine di oliva.

Nella ristorazione scolastica del territorio di Lanciano, dunque, regina è la qualità, che ispira la scelta dei prodotti da utilizzare per proporre piatti sani, gustosi e rispettosi del ciclo delle stagioni, pensati per soddisfare il gusto dei bambini e proteggere la loro salute. Un percorso virtuoso, reso ancora più importante dalla mensa biologica istituita negli asili nido comunali “Il sorriso” e “L’arcobaleno”, grazie anche al fondo finalizzato di 11.700 euro concesso dal Ministero delle Politiche agricole e alimentari a Lanciano, unica città abruzzese a ricevere il finanziamento.

E proprio il biologico nelle mense scolastiche sarà il tema dell’incontro in programma oggi 16 maggio 2019, al Polo museale di Lanciano a partire dalle ore 15.30, rivolto a insegnanti, genitori, personale delle cooperative addetto alla ristorazione, funzionari del Comune.
Questi gli interventi in programma:

  • Flora Di Tommaso, dirigente medico Sian Lanciano su “Criteri e requisiti delle mense biologiche”;
  • Francesca Di Camillo, assistente sanitario Sian Lanciano su “15 ragioni per mangiare biologico”;
  • Domenico D’Ascenzo, agronomo Regione Abruzzo su “Agricoltura biologica : pro e contro”;
  • Vincenzo Villani, direttore Controllo qualità “F.lli De Cecco”;
  • Samuele Savi, Controllo qualità e produzione Bioalimenta su “La celiachia e i prodotti glutenfree”;
  • Maria Grazia D’Angelo, responsabile Biochem su “Le caratteristiche qualitative dell’olio extravergine d’oliva”.
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *