Banner Top
Banner Top
Banner Top

Stagione Teatro Rossetti, “Da tempo denunciamo i costi spropositati”

Nella stagione artistico musicale del  2018- 2019 del Teatro Rossetti, il direttore Bellafronte, per i due concerti dei musicisti di Kiev, rispettivamente 30 dicembre Philarmonica Orchestra e del 17 marzo 2019, Kiev Soloist Chamber Orchestra con  Fabrizio Meloni clarinetto – (sono diversi gli anni in cui Meloni viene invitato)- , ha pagato con i soldi del comune di Vasto e delle tasse dei cittadini alla associazione Euroartist di Vitulazio (Caserta), rispettivamente 9.500,00 per il concerto del 30 dicembre, sempre alla stessa associazione la somma di euro 5.680,00 per un totale di euro 15.180,00. (Determina dirigenziale n. 1339 del 31 dicembre 2018).

Questo accade da diversi anni! Noi puntualmente denunciamo i costi spropositati a carico della città e per un pubblico che non supera il centinaio di persone o poco più, con esclusione della gran parte dei vastesi. Ma non siamo rimasti sorpresi per questo andazzo di malcostume e di sperpero di danaro pubblico che si protrae da molti anni, le cui responsabilità ricadono addosso al ceto politico e alla tante connivenze che ormai sono chiare ai cittadini vastesi, quanto dalla notizia, diffusa dai siti, di un concerto di Bellafronte a Kiev, guarda caso proprio nella città ucraina da cui proviene la Philarmonica del 30 dicembre e la orchestra da camera del 17 marzo. Concerti di alcuni  pezzi musicali di Bellafronte con un quartetto italiano.

Negli anni novanta era famoso il voto di scambio e veniva perseguito da magistrati solerti e precisi nella individuazione del malaffare; nel nostro caso cambiamo i termini: siamo di fronte al  “concerto di scambio”. “Io ti invito a Vasto e ti pago profumatamente e tu mi inviti a Kiev per eseguire i miei pezzi musicali”. Chissà se il maestro ha ricevuto un compenso economico artistico per queste esecuzioni.! Sarebbe curioso indagare i termini della questione!

Abbiamo scritto delle cifre pagate alle due formazioni musicali ucraine, naturalmente queste vanno aggiunte agli altri 12 spettacoli per una somma totale di euro 80.301,00 a cui vanno sommati i compensi di 40.000,00 per Bellafronte e in più i costi del personale del comune e le varie spese. Insomma per una stagione di 14 concerti musicali e di prosa  della durata di max 4 mesi di dicembre – aprile siamo sui 140.000,00 euro; 10.000,00 euro  a spettacolo. Una esagerazione o che altro? La strenua difesa da dodici anni da parte di un mondo politico e di altri settori sociali molto riconosciuti verso il direttore artistico, continua con forza e caparbietà.

Una caparbietà dimostrata anche recentemente nelle aule dei tribunali. Noi non molleremo le denunce pubbliche verso una amministrazione comunale che da tre anni si trastulla e si lamenta di non avere risorse per la manutenzione della città e nulla fa per tagliare spese e ridurre costi, in verità regala ciecamente risorse che potrebbero essere indirizzate altrove.

Menna Ivo ambientalista storico . rappresentante ONA amianto

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.