Banner Top
Banner Top
Banner Top

Di Meo: “Vastese-Agnonese sarà una battaglia”

Non so se andrò allo stadio. Ho il cuore diviso a metà: vedere una tra Vastese e Agnonese retrocedere mi farebbe troppo male». Giuseppe Di Meo è il doppio ex dello spareggio salvezza di domenica all’Aragona (ore 16). L’allenatore di Trani, 50 anni, ha lasciato il segno sia in Abruzzo che in Molise. Con la Pro Vasto ha vinto il campionato di serie D nella stagione 2008-2009; con l’Agnonese, lo scorso anno, ha centrato una salvezza insperata.

«Mi dispiace veramente tanto vedere le mie due ex squadre scontrarsi nei play out», dice Di Meo. «Sono legato ad entrambe le società e alle tifoserie e conosco benissimo i due allenatori, Aldo Papagni e Antonio Mecomonaco. Purtroppo, una delle due dovrà retrocedere. Non mi aspettavo di vedere la Vastese nei play out, ma non mi permetto di giudicare perché non conosco le dinamiche interne. È facile parlare da fuori, ma certe cose vanno vissute da dentro per capirle».

Se l’Agnonese è abituata a lottare per la salvezza, per la Vastese ritrovarsi nei play out dopo le ambizioni promozione di inizio anno è un duro contraccolpo psicologico. Soprattutto considerando che i biancorossi hanno dilapidato il vantaggio sulla zona play out nelle ultime giornate, fallendo diversi scontri diretti – uno, clamoroso, con il Castelfidardo già retrocesso – rinviando così la permanenza in D agli ultimi infuocati 90’ all’Aragona.

“Sarà una battaglia», avverte Di Meo, che ha iniziato la stagione al Gravina prima di essere esonerato a novembre. «Ho disputato tanti spareggi da calciatore e sono partite dove la tensione è alle stelle. Basta un errore e sei morto calcisticamente parlando. La favorita? Sulla carta è la Vastese perché ha due risultati a disposizione, ma vincerà chi saprà gestire i nervi e la tensione».

I biancorossi possono contare sulla spinta del pubblico dell’Aragona.

«Conosco i tifosi della Vastese e sono convinto che trascineranno la squadra. Il pubblico dell’Aragona è un valore aggiunto e può fare la differenza». Senza lo squalificato Di Giacomo, Papagni dovrebbe rilanciare Genny Russo. Possibile anche l’inserimento del fuoriquota Palumbo a centrocampo. Assente il capitano Nicola Fiore, che è stato operato alle anche e ha terminato in anticipo la stagione. Leonetti partirà dal primo minuto. La società si aspetta una buona cornice di pubblico. I prezzi: 5 euro la curva d’Avalos e la curva Tobruk, 12 euro le tribune. Non saranno validi gli abbonamenti.

(g.g.) il centro

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.