Banner Top
Banner Top

Stazione ferroviaria, ecco il piano per rilanciarla

Una stazione ferroviaria sicura e nuove fermate dei treni. E’ il progetto che l’amministrazione comunale di San Salvo sta seguendo da mesi con Rfi. Mentre a Vasto e San Salvo infuriano le polemiche per la biglietteria della stazione che chiude, il primo cittadino di San Salvo, Tiziana Magnacca ricorda che è assurdo lottare per “una biglietteria per treni che non esistono”.

“Da mesi “, ricorda la Magnacca “siamo in contatto con Rfi per riavere la fermata dell’Eurostar e la sistemazione della stazione ferroviaria di Vasto-San Salvo. Con il presidente del consiglio comunale, Eugenio Spadano, ho incontrato il direttore territoriale della Rete ferroviaria italiana di Ancona, Stefano Morellina, e il responsabile di zona, Giulio Del Vasto sostituito ora dal Nicola D’Alessandro. Rfi investirà diversi milioni di euro sullo scalo del vastese. I lavori del progetto denominato “Easy station” saranno realizzati a partire dal 2020, presto però inizieranno i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria : adeguamento dei marciapiedi, allungamento delle pensiline con box per i viaggiatori in attesa dei treni, abbattimento delle barriere architettoniche e istallazione di ascensori, implementazione di dispositivi per l’informazione al pubblico e riqualificazione del piazzale esterno alla stazione. Noi lavoriamo per riportare a Vasto i treni che ,chi c’era prima di noi ,ha permesso venissero eliminati. E stiamo lavorando da soli. I Comuni sono stati lasciati soli a difendere un territorio che ha bisogno di strade e servizi”, incalza la Magnacca ricordano l’assurdo e dannoso congelamento di importanti progetti , alcuni dei quali già finanziati : variante alla Statale 16, autoporto, ospedale, tribunale, Civeta.

“I cittadini non hanno eletto solo i sindaci. A rappresentare questo territorio ci sono consiglieri regionali e parlamentari. Cosa stanno facendo i parlamentari del Vastese per Vasto e San Salvo? La Regione , la Provincia, tutti i politici del territorio devono impegnarsi insieme”, afferma la Magnacca.

“I Comuni da soli non possono andare avanti. Il progetto della variante alla Statale è rimasto fermo. le vicende del Tribunale sono note, l’autoporto di Piana Sant’Angelo è stato distrutto e attende una soluzione , così come il problema dei rifiuti. E poi ci sono l’ospedale e tutte le altre opere in itinere. Troppo facile puntare il dito contro i sindaci. I sindaci lavorano, ma non possono farlo da soli. In queste condizioni è sempre più difficile andare avanti”.

Lo sfogo del primo cittadino di San Salvo è condiviso da molte associazioni di categoria e rappresentanti sindacali, da operatori turistici e industriali che da anni aspettano iniziative e risposte dallo Stato. Sono diverse le industrie che stizzite dal silenzio romano stanno valutando di spostare l’attività altrove. Se ciò dovesse accadere sarebbe una iattura. L’auspicio è che Vasto e il Vastese tornino ad essere iscritti nell’agenda di tutti i politici abruzzesi, a prescindere dal colore politico.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.