Le contestazioni. A Vasto si stringe il cerchio intorno ai 17 indagati: polizia a caccia di riscontri dopo i controlli nei loculi. Inchiesta verso la conclusione

Tangenti al cimitero, sotto accusa le tombe multiple

cimitero

Tangenti per seppellire i defunti al cimitero di Vasto. La riapertura di tre tombe è stato probabilmente l’ultimo atto della lunga indagine condotta dalla polizia di Vasto su disposizione della Procura. Un’indagine durata quindici mesi e partita da un cartello affisso all’esterno dei cimitero che invitava i cittadini a consegnare denaro per qualsiasi operazione cimiteriale solo ed esclusivamente in municipio. Le ultime verifiche avrebbero confermato quella che il procuratore Giampiero Di Florio ha definito, “una gestione parallela occulta e privatistica dannosa per il servizio pubblico”.

Gli ultimi accertamenti, necessari per verificare alcuni particolari emersi dalle intercettazioni, sono stati anche gli ultimi tasselli del puzzle accusatorio. E’ probabile a questo punto che presto il magistrato decida il capo d’imputazione e il rinvio a giudizio. Non solo dei 3 ex dipendenti finiti ai domiciliari e ora liberi, Franco D’Ambrosio, 60 anni, Antonio Recinelli, 65, e Luisito Lategano, 45 anni, rispettivamente custode, necroforo e operaio, ma anche dei 14 indagati che avrebbero usufruito degli illeciti vantaggi.

Le ipotesi di reato sono di induzione indebita a dare o promettere utilità e di vilipendio di cadavere. Gli investigatori nell’aprire le tombe avrebbero avuto conferma di una gestione parallela delle attività cimiteriali che non passava dagli uffici comunali. E ci sarebbero altri possibili reati ancora al vaglio della magistratura.

Nonostante gli indagati continuino a negare le accuse, la complessa e articolata attività investigativa avrebbe portato nelle ultime settimane a nuovi elementi certi di prova. La polizia ha accertato un importante danno patrimoniale nei confronti delle casse comunali . L’attività illecita avrebbe riguardato soprattutto le operazioni di inumazione, tumulazione, esumazione ed estumulazione dei feretri, per eseguire le quali «i tre inducevano gli utenti a pagare loro somme di denaro, anziché rivolgersi al servizio Patrimonio e Demanio del Comune, per il versamento delle tariffe previste dal regolamento».

«Tutto avveniva nell’ufficio all’interno del cimitero, dove i tre ricevevano gli utenti colpiti dai lutti»,ha spiegato più volte il dirigente del commissariato, Fabio Capaldo, «pur di dare una degna sistemazione ai propri defunti, i cittadini accettavano di pagare in contanti le prestazioni richieste».

Nei quindici mesi di indagini la polizia ha approfondito gli accertamenti su presunte traslazioni illegali e riduzione in urne cinerarie di resti di cadaveri non ancora demineralizzati, a anche la tumulazione di più cassette nello stesso loculo, a volte anche all’insaputa dell’utente.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *