Vasto. L'associazione "Torna il sorriso" dopo un anno di attività premia Confcommercio, Serd e giornalista

Aiuti a chi ha debiti, ieri la prima candelina

IMG-20190218-WA0011-1024x768

Compie un anno l’associazione “Torna il Sorriso”, un sodalizio formato da dottori commercialisti, che in questi mesi è riuscito ad aiutare concretamente decine e decine di persone finite nella morsa dei debiti a causa del gioco d’azzardo o scivolate al di sotto della soglia di povertà, ma anche imprenditori e professionisti.  Ieri è stata spenta la prima candelina alla presenza dei soci fondatori, dei presidenti dei consigli degli ordini dei commercialisti e degli avvocati, Francesco Pietrocola e Vittorio Melone e del direttore dell’AssoVasto, Giuseppe La Rana. Un anno di lavoro intenso e proficuo che il presidente dell’associazione,  Giuseppe Schiavo ha riassunto così.

“Le richieste sono in continuo aumento e arrivano anche dal Nord”, spiega il commercialista, “sono soprattutto le donne a chiedere aiuto al Centro di ascolto: si tratta per lo più di cinquantenni, casalinghe, imprenditrici, ma anche impiegate di banca. A loro offriamo consulenza e supporto specialistico in materia di sovra indebitamento. E’ stato un anno intenso di attività e ricco di incontri,  caratterizzato soprattutto dalla divulgazione della normativa “Salva suicidi”.  

Presente all’incontro anche un gruppo di operatori  dei Serd di Vasto, Lanciano e Chieti e Marisa Tiberio, presidente della Confcommercio provinciale, con cui  l’associazione collabora per mettere in campo iniziative di prevenzione e di contrasto al gioco d’azzardo. Oltre a sottolineare la preziosa sinergia instaurata con i partner istituzionali che compongono il  Tavolo tecnico regionale per la prevenzione del gioco di azzardo patologico, il presidente del sodalizio ha riservato un riconoscimento particolare a Paola Fasciani, direttore della Unità Operativa Dipendenze Patologiche della Asl provinciale, a Marisa Tiberio e alla giornalista Anna Bontempo, consegnando a ciascuna di loro una targa e un mazzo di fiori.

“E’ un modo per ringraziare i Serd e la Confcommercio che hanno cooperato e collaborato fattivamente insieme agli esperti del sovra indebitamento”, annota Schiavo, che insieme ai suoi colleghi commercialisti e ai soci fondatori dell’associazione è proiettato ora verso nuovi traguardi con l’obiettivo di aiutare chi è in difficoltà.

“Abbiamo  fatto del bene e continueremo a farlo”, sottolinea il presidente del sodalizio.

(Il Centro)

 

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *