Convalidati gli arresti

Macelleria nel mirino, s’indaga su altri colpi in zona

Il gip del Tribunale di Vasto, Italo Radoccia ha convalidato ieri l’arresto di G.P., 48 anni di Monteodorisio e G. Z., coetaneo della donna e di origine romena. I due , entrambi residenti a Monteodorisio, sono accusati di rapina in concorso alla macelleria Di Nanno. Ad assistere i due indagati sono gli avvocati Nicola Artese e Vincenzo Chielli. I legali dopo la convalida hanno chiesto per entrambi la scarcerazione o in subordine gli arresti domiciliari. Il pubblico ministero, Gabriella De Lucia ha chiesto invece il carcere per entrambi. Sulla permanenza in carcere il gip si pronuncerà oggi.

Nel frattempo i carabinieri continuano ad indagare per verificare se anche la rapina nella tabaccheria di Casalanguida, avvenuta 4 ore prima del raid nella macelleria vastese, sia stata fatta dalla coppia. A tal proposito gli investigatori stanno controllando gli indumenti indossati dai due, le scarpe , la pistola. Importanti saranno anche le dichiarazioni delle vittime. L’arresto di G.Z. e G. P. ha colto di sorpresa Monteodorisio. I due abitano entrambi alla periferia del paese a poca distanza l’una dall’altro. Lei è single , lui è sposato. I carabinieri stanno cercando di scoprire come è nata la loro collaborazione e chi dei due diriga l’altro. G.P. non è certo l’archetipo della donna fragile. Tutt’altro , in paese viene descritta come una donna “dura”. Lui ha sempre vissuto facendo lavori saltuari. Le sue condizioni economiche sono tutt’altro che floride, ma nessuno pensava che potesse arrivare a fare una rapina.

Ad inchiodare i due sono stati diversi testimoni e le immagini della videosorveglianza. Quando i carabinieri hanno bussato alla loro porta entrambi nelle rispettive abitazioni stavano tentando di distruggere importanti prove. Addosso avevano ancora gli abiti utilizzati per la rapina. Nel corso della perquisizione personale e locale, estesa poi alla Fiat Grande Punto grigia ( che appartiene alla donna) ripresa sul luogo della rapina, sono stati recuperati sia la pistola ( una scacciacani) che il passamontagna , i giubbotti e i guanti utilizzati per il raid, nonché altro materiale d’interesse investigativo.

” Sono davvero grato ai carabinieri per la tempestività dell’intervento”, ha detto il sindaco Francesco Menna . ” L’identificazione dei rapinatori ha ridato in parte serenità alla città. Sono altrettanto grato ai cittadini che hanno subito chiamato il 112 e che collaborando con i carabinieri , hanno permesso di arrivare a identificare la coppia”.

Nei prossimi giorni i carabinieri saranno impegnati a verificare le immagini delle rapine fatte da inizio anno a Vasto e sulla Statale, “… per verificare”, hanno scritto i militari in una nota ” eventuali similitudini”.

Paola Calvano (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.