Vasto, l'allarme dell'artista Pachioli: "Corso De Parma rotto è un pericolo". Partiti i lavori al tetto crollato di San Pietro: i danni interni meno gravi del previsto

Infiltrazioni sotto la chiesa, “Cattedrale a rischio”

San Giuseppe

Crisi economica e problemi di manutenzione. Anche le chiese della città sono a rischio. Il tetto della chiesa di San Pietro in Sant’Antonio ha ceduto e la struttura religiosa è chiusa al culto. I parrocchiani della chiesa di Stella Maris alla Marina periodicamente lanciano appelli per la loro chiesa che rischia di cedere. Anche la cattedrale di San Giuseppe sarebbe a rischio. A lanciare un grido d’allarme sollecitando chi di dovere ad intervenire con urgenza è lo scultore d’origine vastese ma da anni residente a Firenze, Mario Pachioli.

A mettere a rischio le fondamenta della chiesa, a parere dell’artista, sarebbe la pavimentazione piena di crepe della strada antistante la cattedrale, corso De Parma. “La pavimentazione di corso De Parma e a seguire di piazza Lucio Valerio Pudente è sconnessa“, rimarca Pachioli. “Quando piove si infiltra acqua che va a finire nei sotterranei della cattedrale di San Giuseppe creando umidità nelle fondamenta. Possibile che nessuno se ne accorga”.

Quello di Pachioli è il grido di dolore di un artista che ben conosce il valore della cattedrale, e delle opere che contiene. Lo scultore fa appello al Comune affinchè mandi al più presto tecnici ed esperti a verificare la situazione . “Spero che si intervenga presto per non creare danni alla chiesa”.

Pachioli suggerisce la realizzazione di uno scannafosso vicino alla chiesa per la raccolta dell’acqua . Un intervento che non dovrebbe comportare una grossa spesa ma eviterebbe grossi danni al duomo di Vasto. La chiesa, intitolata a San Giuseppe, è la concattedrale dell’arcidiocesi di Chieti-Vasto. Dell’antica chiesa medievale intitolata a Santa Margherita resta solo la facciata con il portale ed il rosone trecenteschi. Nel XVII secolo venne intitolata a Sant’Agostino e solo nel 1808 a San Giuseppe. La struttura sacra ha un valore incommensurabile.

L’amministrazione comunale è attenta alla questione. Il problema segnalato dall’artista fiorentino delle infiltrazioni sarà valutato. Intanto sono cominciati i lavori di ristrutturazione del tetto della storica chiesa di San Pietro in Sant’Antonio, che si affaccia su via Adriatica. Ad eseguire l’intervento è l’impresa Mammarella.

Il 25 gennaio scorso le capriate del tetto della struttura sacra, si sono piegate facendo crollare le tegole. Sul lato ovest del tetto della chiesa si è aperta una grossa ferita. «Non appena abbiamo saputo dell’accaduto», dice il vicesindaco Giuseppe Forte che con l’ingegnere Luca Giammichele dell’Ufficio lavori pubblici del Comune è stato fra i primi ad intervenire per verificare il danno, «insieme a don Gianfranco Travaglini, abbiamo avvisato la curia arcivescovile e le autorità religiose si sono subito attivate per evitare rischi ai cittadini e danni maggiori alla chiesa”. All’interno della chiesa fortunatamente, i danni non sono gravi. C’è comunque una infiltrazione di acqua piovana che va sanata.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *