Camillo D'Amico ci scrive

“Nessuno sottovaluti il problema dei cinghiali”

cinghiali

Il grido di dolore che si è elevato dai rappresentanti dell’associazione ‘terre di punta Aderci’ di Vasto verso i candidati presidenti della regione Abruzzo, circa la problematica la presenza dell’alto numero dei cinghiali, non venga sottovalutato ne portato a mero contenuto residuale e di folclore come spesso  sinora è accaduto.

Il problema c’è e va  gestito con cadenza quotidiana in una logica strutturale.

Senza andare lontano e polarizzando la mia riflessione alla zona di Punta Aderci di Vasto la problematica è qui presente da anni e mai prima alcuno ha preso a cuore una soluzione nonostante i danni notevoli patite nelle produzioni agricole e i frequenti incidenti stradali accaduti.

Adesso, grazie alla positiva attività dell’associazione “terre di punta Aderci” ed alla mobilitazione promossa che sta coinvolgendo migliaia di cittadini, il problema è attenzionato e qualche concreta soluzione si va palesando.

In privato ed in virtù delle mie umane esperienze maturate nel campo sul piano istituzionale e sindacale a Michele Bosco & company alcuni utili consigli li ho forniti che intendo qui riassumere ossia mettere in atto un metodo costante di cattura dei cinghiali con le gabbie avviando i capi abbattuti verso la filiera della trasformazione.

Con opportune azioni ed una programmazione sostenuta sul piano scientifico si potrebbero salvare i capi piccoli ma ricorrendo all’evirazione dei maschi riducendo così la loro capacità riproduttiva futura.

Sarebbe un metodo di contenimento assolutamente compatibile con l’area di riserva, per nulla impattante e di efficacia sicura.

Per realizzare il tutto, oltre una chiara volontà politica ed istituzionale, occorre il concorso del servizio veterinario dell’ASL, dell’ATC e di avere un laboratorio di trasformazione dove conferire le carcasse dei capi abbattuti che nel territorio già esiste.

Il tutto si dovrebbe formalizzare in  “protocollo d’intesa”.

I cinghiali da problema che sono diventerebbero una risorsa di lavoro e di opportunità economica.

Questo metodo si andrebbe a sommare a quello usuale della caccia ii qualsiasi forma e natura.

“Volere è potere” recita un vecchio adagio.

Si dia ai cittadini tutti un segnale d’impegno chiaro e preciso senza sottovalutare il problema che è di prioritario ordine pubblico.

Camillo D’Amico

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *