"Come Sindacato abbiamo ribadito la necessità di tempi brevi per le risultanze delle indagini"

Incendio alla zona industriale: incontro tra la Cgil, l’Arta e il sindaco Magnacca

incendio capannoni lombardi zinni

Il 9 gennaio scorso si è tenuto l’incontro tra la delegazione Cgil, l’Arta Abruzzo e il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca riguardante le conseguenze dell’incendio dei due capannoni avvenuto il 1° gennaio 2019 nella zona industriale di San Salvo. “L’incontro – fa sapere in una nota la Cgil – si è tenuto presso la sede di Pescara dell’ARTA alla presenza del Direttore Generale dell’istituto stesso che il Sindaco di San Salvo. I sopra richiamati Organi Istituzionali ci hanno illustrato gli interventi presi il giorno successivo in merito a: monitoraggio dell’area circostante il luogo dell’incendio, analisi della copertura dei capannoni stessi per accertarne la loro reale costituzione, previsione dell’immediato smantellamento della copertura stessa nella eventuale presenza di materiale dannoso per salute, necessaria caratterizzazione del suolo, obbligo immediato, in capo ai proprietari, della messa in sicurezza del luogo. In attesa delle risultanze delle analisi, sarà cura del Sindaco di San Salvo coordinare i futuri incontri”.

“La delegazione della CGIL presente con il Segretario Generale Germano Di Laudo, il responsabile di zona Carmine Torricella ed il Segretario Organizzativo Marco Ranieri, ha fatto rilevare la mancata presenza alla riunione di un soggetto Istituzionale quale la ASL importante per il ruolo della verifica e competenza sulle resto delle indagini”.

“Come Sindacato abbiamo ribadito la necessità di tempi brevi per le risultanze delle indagini oltre alla conoscenza delle stesse, il mantenimento delle centraline monitoraggio ambientale oltre lo stabilito, un tempestivo ed efficace sistema di avvertimento al territorio in casi di allarme”.

Inoltre, come Sindacato, abbiamo avuto modo di ribadire il nostro pensiero sulla necessità di un continuo aggiornamento dei dati in possesso degli organi competenti in modo da conoscere come vengono utilizzati e cosa effettivamente contengono i capannoni industriali, oltre a non più rinviabili interventi di bonifica e messa in sicurezza degli opifici presenti nella zona industriale di San Salvo”.

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *