Domenica, 6 gennaio, allo stadio Aragona

Grande attesa per l’arrivo della vice capolista Matelica

vastese

Da ieri la Vastese ha cominciato a preparare la sfida in programma domenica all’Aragona contro la capolista Matelica. Dalla gara di andata (i marchigiani si imposero senza problemi, 4 a 2 il risultato finale) sono cambiate tante cose perché se è vero che il Matelica resta, insieme alla capolista Cesena, la squadra più forte di tutto il girone, è altrettanto vero che in casa biancorossa da quello scorso 16 settembre sono cambiate tante cose. A cominciare dall’arrivo di Fabio Montani al posto di Ottavio Palladini (in due mesi su 13 gare la Vastese ha raccolto venti punti, allontanando la zona retrocessione) e ad un vero e proprio stravolgimento di tutto l’organico dal momento che da ottobre a dicembre ci sono state undici partenze e sette nuovi arrivi. Una vera e propria rivoluzione. Per farla breve la squadra che domenica proverà a fare l’impresa contro la vice capolista sarà tutta un’altra squadra.
“La società ha fatto un buon lavoro – ha tagliato corto il tecnico biancorosso – sono arrivati i giocatori che servivano per migliorare la squadra. Adesso dobbiamo pensare a migliorare ulteriormente quello che già siamo riusciti a fare in due mesi. La sfida con il Matelica è di quelle che contano, l’undici marchigiano rappresenta un complesso temibile, ben organizzato e con ottime individualità. Per fare risultato pieno ci vorrà una grande Vastese. Faremo di tutto per riuscirci.”
Di fronte ci saranno l’ex direttore sportivo Francesco Micciola e l’attaccante del Gambia Lamin Bittaye. In casa biancorossa un solo assente, Giampaolo. Una assenza pesante, il giocatore rientrerà solo a fine gennaio in un mese importante dal momento che da domenica 6 a domenica 27, tra turni domenicali e turni infrasettimanali, si giocheranno cinque partite. La squadra di Montani sarà impegnata tre volte in casa (il 6 con il Matelica, il 16 con la Sangiustese ed il 27 con il Santarcangelo e due volte in trasferta, il 13 a San Mauro di Romagna ed il 20 a Francavilla). Insomma, in soli 21 giorni saranno in palio punti importanti.
“Preferisco ragionare pensando solo al primo avversario da incontrare – ha aggiunto Montani – ecco perché insieme ai ragazzi siamo concentrati sulla sfida di domenica con il Matelica. Cercheremo di prepararla nel migliore dei modi con il chiaro intento di iniziare il nuovo anno con un risultato di una certa importanza. Non sarà facile ma ci proveremo”.
Qualche apprensione, infine, è legata alle previsioni meteo, a causa delle precipitazioni nevose attese in città per la giornata di oggi e, soprattutto, per quella di domani. Le possibilità che la partita possa essere a rischio non sono poche. Sarebbe davvero un peccato.
GAETANO QUAGLIARELLA  (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *