Il Segretario provinciale PD Chieti ci scrive

Vicenda Pilkington e TUA, Cordisco: “Necessaria la chiarezza”

pilkington-san-salvo

A seguito delle parole dei deputati pentastellati abruzzesi in merito alla vicenda Pilkington e TUA occorre fare la giusta e meritata chiarezza. Nella loro solita narrazione raccontano una realtà distorta e fuorviante, omettendo di dire come sono andate realmente le cose.

I lavoratori della Pilkington di San Salvo e i lavoratori abruzzesi della Tua sono stati salvati grazie alla NON APPLICAZIONE del Decreto Dignità del Governo gialloverde e grazie all’applicazione delle leggi del governo di centrosinistra. Questa è la verità che deve essere detta.

I deputati abruzzesi pentastellati stanno invece oggi usando “crisi e  disgrazie” per mera campagna elettorale divulgando però dati e fatti erronei.

All’incontro con l’azienda e con i sindacati, i pentastellati abruzzesi avevano affermato che avrebbero cambiato “metodi e strumenti” volti a dare risposte ai lavoratori e all’azienda. I metodi e gli strumenti ovviamente non sono cambiati ed oggi affermano con orgoglio – e sbandierandolo ai quattro venti – che “Il Ministero ha firmato la Cassa Integrazione Straordinaria e salvato i posti di lavoro”.

Ma la verità è che i posti di lavoro sono stati salvati dall’applicazione delle leggi del precedente Governo (la Cassa Integrazione Straordinaria è stata istituita dalla Legge 14 del 2015). Sono cinque anni che il Ministero e la Regione Abruzzo sostengono la cassa integrazione della Pilkington. E non di certo loro.

E sempre loro, non avendo niente di nuovo da offrire nonostante i tanti proclami del Cambiamento, usano oggi gli strumenti creati dal centrosinistra, prendendosene ovviamente i meriti. Ma il cambiamento dei metodi e degli strumenti dov’è?

In merito invece al caso TUA – l’azienda del settore dei Trasporti – tutti i lavoratori con contratto a tempo determinato, con il decreto Dignità a firma M5S, sono rimasti a casa e senza lavoro. Molte famiglie in poche ore sono state coinvolte da una crisi, per colpa di  una legge.

Oggi tutti i lavoratori sono tornati al loro lavoro. Come? NON APPLICANDO il Decreto dignità del M5S e utilizzando ancora una volta gli strumenti legislativi del precedente Governo a guida Centrosinistra.

Alla luce di quanto sopra chiarito mi piacerebbe a questo punto chiedere ai “grillini” cosa hanno prodotto loro per il lavoro nel nostro territorio. La risposta è una: NULLA.  Nulla se non comunicati imprecisi e proclami sbandierati e senza riscontro. Alla luce di quanto sta accandendo e di quanto sostengono, i deputati abruzzesi del M5S si stanno prendendo i meriti del “salvataggio” delle aziende, delle ditte con “strumenti” messi in campo dal precedente Governi e con i soldi dei contribuenti già presenti nei fondi dedicati alle misure CIG e CIGS.

Ma ai pentastellati ricordiamo che il popolo li ha votati in nome di quel “cambiamento” che hanno sempre sbandierato ma che nei fatti non trova riscontro. L’unico riscontro che si palesa è l’uso degli strumenti del centrosinistra utilizzato per risolvere le problematiche avanzate dalle aziende.

L’Italia chiede lavoro. Dov’è? Cosa vogliono fare? Come vogliono risolvere questo problema che con loro è solo aumentato? Oltre a firmare Casse integrazioni grazie a Leggi promulgate dal centrosinistra cosa stanno facendo? Che fine hanno fatto i loro sbandierati proclami?

La verità è che con il M5S le cose sono solo peggiorate: i fondi del terremoto sono fermi da mesi ma le tasse sono state reintrodotte, il Masterplan è stato declassato, il metanodotto è stato autorizzato, hanno detto No ai piccoli ospedali abruzzesi, sì all’Ilva, sì alla Tap, sì ai condoni, sì alla spartizione Rai. E poi ancora Zero reddito di cittadinanza, zero tagli ai vitalizi, zero democrazia interna al partito (annullate anche le consultazioni online se non gli piacciono i risultati della rete), hanno condonato Ischia  e la casa di Di Maio che era abusiva, hanno concesso alla Lega 89 anni di dilazione per i debiti e inserito Fratelli d’Italia in maggioranza con la fiducia sul Decreto Sicurezza accettando i compromessi di Salvini anche sull’agenzia spaziale. Queste sono le verità che non dite.

Per l’Abruzzo e per il territorio non hanno fatto nulla. Attendiamo fatti. Che non ci sono. E le promesse? Neanche quelle. I deputati pentastellati abruzzesi è ora che inizino a dare risposte al territorio. Basta con i comunicati che alterano la realtà.

Gianni Cordisco, segretario provinciale PD Chieti

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *