Una custodia per un seghetto trovata sulla strada ha riacceso le speranze. Ieri i cani molecolari dei carabinieri arrivati da Firenze dopo aver annusato l'oggetto hanno setacciato la zona in lungo e in largo

Fraine, anziano scomparso, trovato un oggetto

fraine antonio rossi

Pensionato scomparso. Sono arrivati da Terlizzi, vicino Firenze i cani molecolari addestrati nelle ricerche delle persone scomparse. Per ore hanno fiutato il percorso fatto da Antonio Rossi martedi. Uno degli animali durante le ricerche si è anche sentito male. Fortunatamente nulla di grave. Il fatto grave è che Antonio Rossi non si trova.

Proseguono fra mille problemi le ricerche dell’85enne sparito nel nulla. Una custodia per un seghetto trovata sulla strada ha riacceso le speranze. Si sono concentrate soprattutto su questo oggetto le indagini dei carabinieri e le ricerche dei cani. Il pensionato di Fraine non si trova, ma in compenso è stato ritrovato l’oggetto che lui aveva in mano prima di uscire da casa.

La custodia è stata trovata vicino alla vegetazione che lui avrebbe dovuto potare. “Zio Antonio” però non ha concluso il suo lavoro. Anzi , non lo ha neppure iniziato. Perchè ? Chi o cosa lo ha distratto? Dove è andato e dove è finito il seghetto? Sono tutte domande a cui gli investigatori stanno cercando di dare una risposta.

Ieri i cani molecolari dei carabinieri arrivati da Firenze dopo aver annusato l’oggetto hanno setacciato la zona in lungo e in largo. Il grande potere olfattivo dei cani molecolari permettono agli animali di seguire il percorso fatto una persona anche a distanza di giorni da suo passaggio. Ma mentre cercava il pensionato. Gringo, uno dei cani si è sentito male. E’ stato subito soccorso dal veterinario di Castiglione Messer Marino. Non sono state le ricerche ad affaticare Gringo ma un problema gastrico che comunque è stato subito individuato e superato.

Ma non sono solo i cani impegnati nelle ricerche. Da tre giorni centinaia di uomini stanno battendo a tappeto i boschi che circondano il paese e la vallata. Pare sia escludere l’ipotesi dell’aggressione a scopo di rapina. Il pensionato non aveva soldi con se. Potrebbe essersi allontanato per procurarsi qualche oggetto utile alla potatura. Oppure è scivolato rotolando fra i rovi con il seghetto in mano.

Ma con il passare delle ore prende anche corpo l’ipotesi che l’anziano possa essersi allontanato con le sue gambe fino a perdere l’orientamento e non sia più riuscito a tornare indietro.

“Le ricerche andranno avanti fino a quando non troveremo tracce del pensionato”, dice il capitano Ruffini , comandante della Compagnia dei carabinieri di Atessa che segue personalmente la vicenda coordinando il lavoro dei militari. Un intero paese è impegnato nelle ricerche. Anzi. Molti volontari sono arrivati da Castiglione Messer Marino, Schiavi e altri paesi vicini. I carabinieri rinnovano l’invito a chiamare subito il 112 in caso di avvistamento.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *