San Salvo

Identificato un extracomunitario con provvedimento d’espulsione e lotta al commercio abusivo

costumi sequestrati

Attività di contrasto al commercio ambulante abusivo e attività di polizia finalizzata ad identificare le persone straniere presenti sul territorio è stata svolta in queste ultime ore dal Comando della Polizia Locale di San Salvo.

Un bengalese di 42 anni è stato fermato e identificato dopo essere stato sorpreso a vagare nel territorio comunale. “Dai controlli è risultato che a suo carico pendevano due decreti di espulsione emessi dal Questore di Udine sin dal 2010 e da ripetute dalle segnalazioni dell’Ufficio stranieri della stessa Questura continuando liberamente a circolare in Italia” ha dichiarato l’assessore alla Polizia Locale Fabio Raspa.

L’extracomunitario è stato accompagnato presso il Commissariato di Vasto in attesa di ulteriori provvedimenti.

Nella stessa operazione di controllo a San Salvo Marina sono stati recuperati oltre cento costumi da bagno e un carretto utilizzato per la vendita della mercanzia.

“Ho dato mandato alla Polizia Locale – ha affermato il sindaco Tiziana Magnaccadi proseguire senza sosta l’attività di identificazione delle persone straniere e di contrasto al commercio abusivo. Non si può transigere sul rispetto delle regole e della legalità. Tutto questo lo dobbiamo al rispetto della salute perché non conosciamo la provenienza della merce acquistata per strada, ai commercianti che pagano le tasse e alla sicurezza dei nostri concittadini”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *