San Salvo. Trattativa lunga e complicata: l'incontro con la Rsu aggiornato alla prossima settimana. L'immediata reintegra al posto di lavoro e il pagamento di 12 mensilità oltre alle spese giudiziarie. E' quanto ha disposto la Corte d'appello dell'Aquila a cui si è appellata Laura Lugetti, dipendente della Pilkington licenziata dal colosso vetrario "per giusta causa"

La Pilkington la licenzia, i giudici la riassumono

pilkington-san-salvo

L’immediata reintegra al posto di lavoro e il pagamento di 12 mensilità oltre alle spese giudiziarie. E’ quanto ha disposto la Corte d’appello dell’Aquila a cui si è appellata Laura Lugetti, dipendente della Pilkington licenziata dal colosso vetrario “per giusta causa”.

A giudizio della Corte all’origine del provvedimento manca proprio la giusta causa. In sostanza i giudici aquilani hanno ribaltato la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale di Vasto e hanno accolto le motivazioni presentate dal legale della donna , l’avvocato Emanuele Pagliaro.

I motivi di tensione fra la lavoratrice e il colosso del vetro sono nati da un contenzioso che è tuttora pendente fra l’impiegata e l’azienda. Quando la donna si è rivolta ai giudici denunciando i suoi dirigenti, la Pilkington ha disposto la sospensione dell’attività lavorativa per giusta causa. Il licenziamento è stato impugnato . I giudici vastesi hanno ritenuto fondate le motivazioni della multinazionale.

Di diverso avviso i giudici aquilani , che hanno accolto il ricorso disponendo la reintegra nel posto di lavoro dell’impiegata. La denuncia presentata dalla Lugetti contro i superiori va considerata un esercizio di diritto . Una forma di autotutela e di difesa dei propri diritti e non un attacco ai suoi superiori o all’azienda.

La legge italiana vieta il licenziamento che non sia fondato su valide ragioni. Ragioni che non possono mai dipendere dal gradimento del datore di lavoro. È possibile il licenziamento quando il lavoratore è divenuto completamente inutile all’azienda, anche a seguito di una sua sopravvenuta incapacità fisica a svolgere le mansioni, o quando sia colpevolmente poco produttivo. È sicuramente possibile mandare a casa un dipendente che si sia macchiato di gravi violazioni nello svolgimento degli incarichi assegnatigli .

Il caso di Laura Lugetti non rientra fra questi e i giudici di appello le hanno dato ragione. Resta da vedere se ora la Pilkington accetterà la decisione della Corte d’appello dell’Aquila o riterrà di dover ricorrere in Cassazione.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *