Il magistrato non ha intenzione di ritirare la denuncia contro l'autore dei video che sono ancora in rete

Giudice minacciato nel video, ora il denunciato chiede scusa

20180310_102721

Dopo le minacce arrivano le scuse per il giudice Fabrizio Pasquale. L’autore del video di minacce contro il giudice diffuso su youtube e facebook si è ravveduto, ha capito la gravità del suo comportamento e l’assurdità delle parole pronunciate contro il gip e per questo ha registrato un secondo video con un accorato “mea culpa”.

Dopo una introduzione mistica e con uno sfondo ideato ad hoc ( con una croce e la bilancia della giustizia) l’uomo ha chiesto scusa e si è giustificato spiegando che la sua rabbia e la violenza del suo linguaggio è scaturita dalla disperazione.

Ho visto la moglie di Francesco Orticelli disperata e ritengo non sia giusto che quel pescatore stia in carcere per averla difesa”, ha spiegato. La donna in effetti è disperata sapendo che il marito è finito in carcere per averla difesa, ma si è dissociata dal comportamento dell’autore dei due inquietanti video. “ So che la signora ha presentato una denuncia contro Domenico Urbano e la giustizia sta facendo il suo corso”, dice il giudice Fabrizio Pasquale.

Il magistrato non ha intenzione di ritirare la denuncia contro l’autore dei video che sono ancora in rete. Non è escluso che la Procura di Campobasso emetta a breve un provvedimento.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *