In città raccolta ferma al 62,51% contro il 65% previsto dalla legge. Solo a luglio picco del 65,18%. Per smaltire gli ingombranti liste interminabili

Vasto, l’isola ecologica è ancora lontana

pulcra

La percentuale prevista dalla legge, cioè il 65%, resta ancora un ambito traguardo. E’ ferma al 62,51% la raccolta differenziata che, complice la mancanza dell’isola ecologica, stenta a decollare. I dati relativi al 2017 reperibili sul sito ufficiale della Pulchra, la società a prevalente capitale pubblico che gestisce il servizio, mostrano un andamento pressoché stabile, con un picco a luglio, unico mese in cui è stato raggiunto il 65,18%,  e ad agosto (64, 68%) riconducibili alle presenze turistiche concentrate soprattutto alla Marina.

Negli altri mesi dell’anno le percentuali variano dal 60,03% al 63, 39% con una media del 62,51%.

E’ innegabile che rispetto al 2016  ci sia stato un incremento di circa sette punti dei rifiuti differenziati (55,40%),  ma è pur vero che siamo ancora lontani dalla percentuale prevista dalla legge e dai risultati conseguiti da comuni vicini, come Lanciano, dove i dati diffusi da Ecolan parlano del 77% di rifiuti differenziati.

Insomma, in questo settore c’è ancora tanto fa fare, soprattutto per quanto riguarda le attività di sensibilizzazione dei cittadini, molti dei quali mostrano forti resistenze a separare in casa i rifiuti.

Nelle scorse settimane l’assessore alle politiche ambientali, nonché vice sindaco Paola Cianci aveva annunciato l’attivazione dell’osservatorio sulla raccolta differenziata in collaborazione con le associazioni ambientaliste e di categoria e ribadito l’impegno dell’amministrazione comunale a mettere in campo iniziative volte ad ottimizzare la riduzione e il riciclo dei rifiuti.  Le minoranze, dal canto loro, rilevano una serie di criticità.

“Una delle prime ragioni per cui siamo così indietro con le percentuali di raccolta differenziata è la mancanza dell’isola ecologica”, sostiene Dina Carinci, consigliera comunale del Movimento 5 stelle, “per la raccolta dei rifiuti ingombranti ci sono liste interminabili che scoraggiano i cittadini a differenziare correttamente e li incoraggiano all’abbandono dei rifiuti. Sembra proprio che manchi una specifica volontà dell’attuale maggioranza a dare un esempio i cittadini. La riprova”, prosegue la pentastellata, “  è  che la  mozione da noi presentata per l’installazione di cestini dei rifiuti differenziati in tutti i luoghi pubblici e nei parchi è stata bocciata. Tarda ad avere concreta attuazione l’altra mozione presentata per l’installazione degli eco compattatori che è stata approvata invece dal consiglio comunale. E’ evidente che la mancanza di volontà e la totale assenza di iniziative tese a sensibilizzare i cittadini sulla corretta differenziazione dei rifiuti sanciscono il fallimento degli impegni assunti e dei progetti sbandierati dal centrosinistra in campagna elettorale”, conclude la Carinci.

Anna Bontempo  (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *