La presentazione delle graduatorie è avvenuta ieri mattina a Pescara in Regione

A Vasto e a San Salvo un contributo per le aree protette

PIC_0275

Ammonta a quasi 4 milioni 500 mila euro (cui devono aggiungersi circa 750 mila euro di cofinanziamento) il contributo FESR (fondi europei di sviluppo regioale) a beneficio dei 15 progetti relativi ad interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale di rilevanza strategica (aree protette in ambito terrestre e marino, paesaggi tutelati) tali da considerare e promuovere processi di sviluppo. La presentazione è avvenuta ieri mattina, a Pescara, in Regione, nel corso di una conferenza stampa dall’assessore ai parchi, Donato Di Matteo, affiancato dal direttore del Dipartimento Turismo e Paesaggio, Giancarlo Zappacosta, dal presidente del Parco Gran Sasso-Monti della Laga, Tommaso Navarra, e dal dirigente regionale, Bruno Celupica.

Nella graduatoria delle iniziative ammissibili a contributo nell’ambito del POR FESR 2014-20 – Asse VI – Azione 6.6.1  è presente anche il Comune di Vasto per una somma complessiva di 330mila euro. Gli altri comuni sono: Torino di Sangro (499.996,53 euro), di Penna Sant’Andrea (374.500 euro), di Morino (260.016,76 euro), di Borrello (255mila euro), di Popoli (299.734,79 euro), di Ortona (375mial euro), di Pescara (315mila euro), di Penne (500mila euro), dell’Aquila (300mila euro), di Rosello (375mila euro), di Villalago (500mila euro), di Atri (300mila euro), il Consorzio di gestione Area Marina Protetta Torre del Cerrano (375mila euro) e l’Ente Parco Naturale Regionale Sirente-Velino 177mila euro.

E’ pari, invece, a 3 milioni 918mila euro (cui deve aggiungersi il cofinanziamento di circa 35 mila euro) il contributo complessivo FESR, relativo all’Asse VI-Azione 6.5.A.2, rivolto ad interventi per ridurre la frammentazione degli habitat e mantenere il collegamento ecologico e funzionale. In questo secondo caso, al momento, sono rimasti fuori dal finanziamento quattro Comuni (Roccascalegna 300 mila euro, Palmoli 300mila euro, Carpineto Sinello 300mila euro e Cagnano Amiterno 60mila euro,ma l’assessore Di Matteo ha assicurato il suo impegno per  riportare a 4 milioni di euro il finanziamento necessario per sostenere i 21 progetti prevenuti.

Nella graduatoria è presente anche il Comune di San Salvo 300mila euro ed il Comune di Vasto 200mila euro. Gli altri comuni sono: Oricola (149.783,06 euro), Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 300mila euro), Teramo 249.478,53 euro), Gessopalena (100mila euro),  Torino di Sangro (51.528,78 euro), Ente autonomo Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise (200mila euro), Casoli (300mila euro), Bucchianico (118mila euro), di Isola del Gran Sasso d’Italia (194.650 euro), Ente Parco Nazionale della Majella (250mila euro), Torrebruna (287.280 euro), Ente Parco Nazionale della Majella (108.062 euro), Tornareccio (300mila euro),Torricella Peligna (125.810 euro), Comune di Castiglione Messer Marino (75mila euro)

“Riguardo al finanziamento POR FERS, grazie al prezioso contributo dei Comuni e degli Enti Parco, siamo stati i primi a livello di assessorati – ha affermato con una punta di orgoglio Donato Di Matteo – poichè abbiamo costruito una tempistica rapida che, firmate tutte le convenzioni entro fine mese, deve crare i presupposti per avere pronta per maggio 2018 la rendicontazione degli interventi che saranno effettuati. Questa è sfida che può far davvero cambiare passo alla Regione Abruzzo”.

Altro elemento distintivo, secondo Di Matteo, è rappresentato dal fatto che, “per la prima volta la Regione ha introdotto una linea di finanziamento per le aree protette. Una novità di grande rilievo – ha spiegato l’assessore – frutto dell’impegno dell’intera struttura, mio personale, dei Parchi, che hanno finalmente cambiato velocità, e di una nuova consapevolezza ambientale dei Comuni che hanno firmato le convenzioni entro i tempi indicati. Tutto questo – ha continuato – rappresenta il preludio per la realizzazione degli strumenti organizzativi e programmatori della pianificazione del territorio del Parco nazionale Gran Sasso – Monti della Laga”.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Notizie correlate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *