Banner Top
Banner Top

Il Decreto Sblocca Italia rischia di sbloccare anche le trivelle in Abruzzo e nell’Adriatico

nuovi pozzi petroliferiLa deriva petrolifera sembra ormai un destino segnato per l’Abruzzo e per tutto il Paese. Il decreto Sblocca Italia sembra, infatti, aver ridato nuovo vigore alle attività di prospezione, ricerca ed estrazione soprattutto nel mare Adriatico. Basti pensare che è stata già riaperta la VIA (Valutazione di incidenza ambientale) per l’impianto Elsa 2, che l’irlandese Petroceltic vorrebbe realizzare a circa 7 km dalla costa tra Francavilla al Mare e Ortona, cosa che ha già scatenato le proteste degli ambientalisti che chiedono di presentare le dovute osservazioni a tale installazione al ministero dell’Ambiente entro il 28 ottobre per poterne bloccare la realizzazione. Un passaggio che potrebbe risvegliare anche altre procedute a cominciare da Ombrina Mare 2.

“Il mio appello lanciato qualche settimana fa, affinché chi rappresenta l’Abruzzo al Governo s’impegnasse per scongiurare la deriva petrolifera della nostra Regione è caduto nel vuoto. Delle due l’una: o il Pd è per la petrolizzazione dell’Abruzzo o i suoi parlamentari abruzzesi non contano nulla a Roma”: così si è espresso l’on. Fabrizio di Stefano a seguito della pubblicazione in gazzetta del decreto Sblocca Italia.

“Con il decreto il Governo vuole consentire il raggiungimento degli obiettivi della Strategia energetica nazionale.  Per il Governo , l’Abruzzo è considerato un distretto  minerario per gli idrocarburi,ma non per gli abruzzesi. Forse, i colleghi parlamentari abruzzesi erano più interessati a perseguire i loro obiettivi personali che a tutelare gli interessi della nostra Regione” sottolinea Di Stefano, che, poi, aggiunge: “Noi faremo battaglia e ripresenteremo l’emendamento per bloccare Ombrina e una qualsiasi deriva petrolifera delle nostre coste. Ognuno, a quel punto, di dovrà assumere le proprie responsabilità, a cominciare dal Presidente della Regione D’Alfonso che ha strumenti e mezzi per intervenire”.

Una battaglia dura, quella contro la deriva petrolifera, che proverà a fare leva anche sul recentissimo spiaggiamento di sette capodogli sulla spiaggia di Punta Penna. A partire da una interrogazione presentata al ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare dei deputati abruzzesi e dai componenti della commissione Ambiente della Camera del Movimento 5 Stelle.

Nel documento si chiede di sapere “quali sono state le forme di prospezione nel mare Adriatico nei quattro mesi precedenti all’episodio”; di avere delucidazioni in merito all’esistenza “di ricerca di idrocarburi o altri interventi in via di autorizzazione o in via di esecuzione che utilizzano modalità di indagine note per interagire con la fauna marina e che interessano il Mare Adriatico, nonché l’entità degli stessi”.

E non solo: sulla scia di quanto detto finora il Movimento 5 Stelle alza il tiro e chiede “quali saranno le iniziative che il ministero intende avviare per limitare i danni prodotti dalle attività legate alle prospezioni dei fondali marini anche sulla base del principio di precauzione e delle numerose ricerche scientifiche che hanno accertato un’interazione negativa tra le tecniche di prospezione e i cetacei”.

Insomma, sarà un nuovo autunno caldo sul fronte ambientalismo-deriva petrolifera.

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.