Banner Top
Banner Top

I “cittadini” del M5S contro Ombrina Mare 2

castaldi_romaRifiutano – come da regolamento – l’appellativo di “onorevoli” i neo eletti in Parlamento del Movimento 5 Stelle; è infatti il “cittadino senatore del M5S” Gianluca Castaldi a firmare il comunicato stampa con cui si assicura l’attiva partecipazione del movimento alla manifestazione del 14 aprile e “la volontà di batterci contro la autorizzazione per la piattaforma petrolifera Ombrina Mare”, così come rappresentato al sindaco Luciano Lapenna “in un incontro informale, di cortesia”.
“Troppe, e di tanti, – sottolinea il cittadino senatore Castaldi – sono state le incertezze sull’articolo 35 del decreto ‘Cresci Italia’ (d.l. 83/2012); anche di parlamentari abruzzesi del PDL, del PD, dell’UDC, di FLI. Come è ormai noto, il decreto ‘Cresci Italia’, infatti, estende a tutta la fascia costiera la zona off-limits delle 12 miglia per le nuove richieste di estrazione di idrocarburi a mare, ma fa anche ripartire tutti i procedimenti per la prospezione, ricerca ed estrazione di petrolio che erano stati bloccati nel giugno di due anni fa dal decreto legge n. 128/2010 approvato dopo l’incidente alla piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. Tra l’altro, (come hanno spiegato anche esperti di diritto) è una ‘disciplina che contiene in sé una evidente contraddizione, giacché se è stata recata per ragioni di tutela ambientale, allora qualcuno dovrebbe spiegarci come mai tale esigenza sussista solo per il futuro e non anche per il passato, cioè non in relazione a procedimenti definitivamente conclusi, ma in relazione a procedimenti che erano stati ‘seppelliti’ dal ‘Decreto Prestigiacomo’ e che con il Decreto ‘Sviluppo’ si sono riportati in vita’.”
A ciò per il cittadino senatore del M5S bisogna “aggiungere la comica, e nel contempo tragica, assurda, paradossale  situazione (dimostrata dal WWF) della assenza di parere della Regione Abruzzo causa… dispersione tra gli uffici della stessa Regione Abruzzo, delle richieste del Ministero Ambiente. Ci auguriamo che il Presidente Chiodi apra un’indagine interna per accertare eventuali responsabilità e/o omissioni in questa vicenda”.
“Bisogna realizzare un sano protagonismo dei territori e delle istituzioni locali contro l’arrivo di nuove piattaforme” prosegue Castaldi. “La stessa SEN (Strategia Energetica Nazionale), in fase di consultazione, introduce elementi fintamente democratici e partecipativi. Si pensi alla cosiddetta ‘autorizzazione unica a trivellare’ che riprende quanto definito dallo stesso decreto “Cresci Italia” (d.l. 83/2012) all’art. 38 – ‘Semplificazioni delle attività di realizzazione di infrastrutture energetiche e liberalizzazioni nel mercato del gas naturale’, che, in buona sostanza riduce ai minimi termini il ruolo delle Regioni nella compartecipazione alle decisioni in fatto di energia.”
“Per questo – conclude il neo eletto senatore – ci faremo promotori, come cittadini del M5S eletti alla Camera ed al Senato, d’iniziative legislative che blocchino immediatamente la procedura di Ombrina Mare e ridisegnino le regole per l’estrazione del petrolio e del gas in nome di una maggiore tutela dei territori e delle comunità che ci vivono.”

n.l.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts